In palestra per combattere l’obesità genetica

Il gene dell’obesità cioè la perdisposizione genetica all’obesità, si combatte efficacemente con lo sport e l’esercizio fisico: questo il risultato di una ricerca del Medical Research Council’s Epidemiology Unit di Cambridge che ha osservato 20mila abitanti di Norfolk, in Inghilterra.
I ricercatori, coordinati dalla professoressa Ruth Loos, sono arrivati alla conclusione che il movimento non può contrastare la predisposizione all’obesità ma può alleviarne gli effetti sull’organismo. L’FTO (Fat mass and obesity associated), detto anche ‘gene del cibo spazzatura’ perché induce la voglia di cibi dolci e grassi, è in realtà un difetto che favorisce il rischio di obesità: il 14% dei pazienti che avevano una copia difettosa di questo gene avevano il 70% in più di possibilità di diventare obesi e il 50% di diventare diabetici e quelli che avevano un solo FTO difettoso avevano il 30% di probabilità in più di andare i sovrappeso e il 25% di diventare diabetici. Questo gene induce a mangiare fino a 100 calorie in più a pasto, raggiungendo così in una settimana l’equivalente calorico di un pasto in più. Come ha dichiarato al Daily Mail la professoressa Loos «Chi è per costituzione a rischio di obesità può migliorare la propria salute adottando uno stile di vita sano che preveda una dose quotidiana di movimento, non a livello agonistico, ma può essere sufficiente passeggiare con il cane o dedicarsi al giardinaggio».
La conclusione della ricerca inglese, riportata dalla rivista PloS Medicine, è che l’attività fisica può ridurre la predisposizione genetica all’obesità comune fino al 40% quindi per riuscire a controllare la malattia è necessario invogliare all’attività fisica chi ne sia predisposto.

 

 
Fonte: 1 settembre 2010, corriere.it

Potrebbero interessarti

  • 27 dicembre 2016L’ultimo saluto al BrasileDalla foresta amazzonica fino alle coste Nord del Brasile, era iniziato il vero e proprio viaggio all’interno di questo meraviglioso stato sudamericano. Ho navigato per cinque giorni il rio delle Amazzoni e non è stato semplice gestire il diabete di tipo 1, mio fedele compagno in questo viaggio. Posted in Trip Therapy Blog Claudio Pelizzeni
  • 7 dicembre 2016Roma: metropoli scelta per il 2017 dal programma Cities Changing Diabetes®Il progetto coinvolge Istituzioni nazionali, amministrazioni locali, mondo accademico e terzo settore, con l’obiettivo di evidenziare il legame fra il diabete, in particolare diabete di tipo 2, e le grandi città e promuovere iniziative per salvaguardare la salute dei cittadini e prevenire la malattia. Posted in Mondo, Europa
  • 25 ottobre 2016Walking Day, Milano 5-6 novembre 2016Il 5/6 Novembre 2016 si terrà il primo Walking Day a Milano presso l’Arena Civica, evento promosso da OPES Italia – Ente di Promozione Sportiva e dalla Scuola di Fitwalking con il Patrocinio di Regione Lombardia. Posted in EVENTI - 2016