Integratori di selenio: se in eccesso, rischio di diabete di tipo 2

Secondo uno studio dell’University of Surrey, di Guildford in Gran Bretagna, un eccesso di selenio, assunto attraverso integratori alimentari, potrebbe aumentare il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2, nel caso nella dieta se ne assumesse già a sufficienza. Il selenio è un oligonutriente, un minerale presente negli alimenti in piccole quantità, la cui carenza è collegata al rischio di rapido declino cognitivo e di impoverimento della funzione immunitaria, ma che in genere nei paesi ricchi è presente nella dieta nelle giuste quantità. L’autrice della ricerca, Margaret Rayman, spiega: «L’assunzione di selenio varia enormemente in tutto il mondo; stime indicano che sia alta in Canada, Giappone, Stati Uniti, e leggermente più bassa in Europa.
Gli integratori non fanno altro che aggiungere nutrienti laddove spesso sono già presenti a livelli più che sufficienti.
I risultati della ricerca possono sembrare in conflitto ma solo apparentemente, perché il selenio risulta utile solo quando l’assunzione è effettivamente inadeguata. Dal momento che i polimorfismi presenti nelle cosiddette selenoproteine influenzano sia i livelli di selenio sia il rischio di incorrere nelle malattie a essi connesse, i prossimi studi dovranno necessariamente prevedere una genotipizzazione dei partecipanti». Dalla ricerca emerge infatti che l’interazione fra il profilo genetico del paziente e l’assunzione di selenio potrebbe avere un ruolo chiave nella buona riuscita dell’uso degli integratori, essendoci una differenza, a seconda dei soggetti, nella maggiore o minore recettività delle selenoproteine.
Lo studio britannico è stato pubblicato sulla rivista scientifica The Lancet.

 

 
Fonte Sanità News, 1 marzo 2012

Potrebbero interessarti

  • 9 novembre 2016Uno sguardo al diabete nel mondoL'inarrestabile incremento numerico dei casi di diabete mellito in tutto il mondo e il dato saliente che emerge da un'analisi geografica delle aree a maggior sviluppo epidemiologico è che il diabete cresce maggiormente in Asia, Oceania ed Africa rispetto all'Europa e al Nord-America. Posted in Mondo, Europa
  • 8 novembre 2016Diabete tipo due: quali i rischi per chi abbandona la dieta mediterranea?Gli ultimi dati Eurispes hanno registrato un cambiamento nelle abitudini alimentari degli Italiani: la scelta di abbandonare il consumo di carne sembra coinvolgere quasi 5 milioni di italiani (8% della popolazione), di cui circa il 10% sceglie di eliminare tutti i prodotti di origine animale. Posted in Ruolo della dieta
  • 18 ottobre 2016Focus sul Diabete LADAFa il punto sul diabete LADA (acronimo dall’inglese: Latent Autoimmune Diabetes in Adults) la d.ssa Roberta Celleno, Specialista in Endocrinologia e Malattie del Ricambio, Diabetologia, presso USL 01 Umbria, Città di Castello che si occupa in modo particolare di questa forma di diabete. Posted in Diabete LADA, Diagnosi