Integratori di selenio: se in eccesso, rischio di diabete di tipo 2

Secondo uno studio dell’University of Surrey, di Guildford in Gran Bretagna, un eccesso di selenio, assunto attraverso integratori alimentari, potrebbe aumentare il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2, nel caso nella dieta se ne assumesse già a sufficienza. Il selenio è un oligonutriente, un minerale presente negli alimenti in piccole quantità, la cui carenza è collegata al rischio di rapido declino cognitivo e di impoverimento della funzione immunitaria, ma che in genere nei paesi ricchi è presente nella dieta nelle giuste quantità. L’autrice della ricerca, Margaret Rayman, spiega: «L’assunzione di selenio varia enormemente in tutto il mondo; stime indicano che sia alta in Canada, Giappone, Stati Uniti, e leggermente più bassa in Europa.
Gli integratori non fanno altro che aggiungere nutrienti laddove spesso sono già presenti a livelli più che sufficienti.
I risultati della ricerca possono sembrare in conflitto ma solo apparentemente, perché il selenio risulta utile solo quando l’assunzione è effettivamente inadeguata. Dal momento che i polimorfismi presenti nelle cosiddette selenoproteine influenzano sia i livelli di selenio sia il rischio di incorrere nelle malattie a essi connesse, i prossimi studi dovranno necessariamente prevedere una genotipizzazione dei partecipanti». Dalla ricerca emerge infatti che l’interazione fra il profilo genetico del paziente e l’assunzione di selenio potrebbe avere un ruolo chiave nella buona riuscita dell’uso degli integratori, essendoci una differenza, a seconda dei soggetti, nella maggiore o minore recettività delle selenoproteine.
Lo studio britannico è stato pubblicato sulla rivista scientifica The Lancet.

 

 
Fonte Sanità News, 1 marzo 2012

Potrebbero interessarti

  • 11 ottobre 2017Carenza di vitamina D: sorvegliata speciale per osteoporosi, artrosi e sarcopeniaDal 5 al 7 ottobre 2017, si è tenuto a Napoli il VI Congresso di ASON, l’Associazione rappresentativa di specialisti ortopedici, fisiatri e reumatologi operanti sul territorio. Quest’anno, focus sulla mancanza ormai epidemica di vitamina D che, oltre alle patologie osteoarticolari, si associa sempre più spesso anche a diabete di tipo 2, sclerosi multipla e demenza senile. Posted in Diabete e osteoporosi
  • 19 settembre 2017DT2, Studio DEVOTE: meno ipoglicemie gravi, più basso rischio di mortalitàI nuovi risultati dello studio DEVOTE, primo studio sugli esiti cardiovascolari che confronta le due insuline basali degludec e glargine, in pazienti con diabete di tipo 2, sono stati presentati al recente 53° Congresso dell’#EASD2017 (European Association for the Study of Diabetes) di Lisbona e pubblicati in contemporanea sulla prestigiosa rivista scientifica Diabetologia. Posted in Metformina e ipoglicemizzanti orali
  • 12 agosto 2017Pomodoro, il re dell’estate è ricco di licopeneIl pomodoro è, insieme alla melanzana e al peperone, uno degli ortaggi protagonisti dell’estate e della cucina italiana e più in generale mediterranea. Nonostante oggi lo si trovi presente sui banchi dell’ortofrutta tutto l’anno, il pomodoro dà il meglio di sé in estate, quando matura…. secondo natura. Posted in Fibre, frutta e verdura