Ipoglicemia: cause, tipi, rischi

L’ipoglicemia è una delle più frequenti complicanze del trattamento farmacologico del diabete e consiste in un rapido abbassamento dei livelli di glucosio nel sangue al di sotto delle soglie di normalità. Più frequente nell’ora prima di pranzo e nella parte centrale della notte, si manifesta con una vasta gamma di sintomi che vanno da palpitazioni, tremore, ansia, giramenti di testa, confusione, fino alla perdita di conoscenza. Le persone che usano insulina e molte in cura con alcuni farmaci orali sono soggette a ipoglicemia.

 

Cause: quali sono?

Tra le cause principali dell’ipoglicemia vi sono: la mancata osservanza di una dieta corretta (saltare o ritardare il pasto; mangiare meno di quanto previsto), il sovradosaggio di farmaci ipoglicemizzanti (il 72% dei diabetici non lo sa) o insulina e/o un eccesso di attività fisica; in quest’ultimo caso l’ipoglicemia può manifestarsi anche molte ore dopo la conclusione dello sforzo.

Il consumo eccessivo di alcolici può interferire con l’assorbimento di farmaci e nutrienti e causare un calo dei livelli degli zuccheri nel sangue.

 

Le tre tipologie di ipoglicemia

Per convenzione le più autorevoli Linee Guida (Standard Italiani per la cura del Diabete Mellito, 2014) definiscono 3 gradi di ipoglicemia: lieve, grave e notturna.

1. Ipoglicemia lieve
L’ipoglicemia lieve si presenta con sintomi quali tachicardia, senso di debolezza e confusione, tremori, palpitazioni, sudorazioni, tuttavia non richiede l’assistenza di un’altra persona; il soggetto è in grado di autogestire il problema con l’ingestione di cibi contenenti glucosio o carboidrati preferibilmente semplici che permettono un assorbimento più rapido.
È la forma più frequente in chi assume insulina, che può provocare 2 o 3 episodi a settimana.

2. Ipoglicemia grave
L’ipoglicemia grave si manifesta con una sintomatologia molto più seria che richiede l’intervento di un’ambulanza e l’ospedalizzazione; in rari casi può portare a coma o persino alla morte.

3. Ipoglicemia notturna
Infine, come suggerisce il nome, le ipoglicemie notturne si possono manifestare durante il sonno. Sono le più temute non solo dalle persone con diabete ma anche dai loro familiari, soprattutto i genitori di bambini con diabete, perché è difficile accorgersi della loro insorgenza durante il sonno. Il 74% delle ipoglicemie asintomatiche, infatti, si verifica di notte. Colpisce fino al 50% degli adulti con diabete di tipo 1 e più del 33% di quelli con diabete tipo 2 trattati con insulina.
E’ importante ricordare che la percezione di un episodio di ipoglicemia è molto personale e va sempre accompagnato da un controllo della glicemia; talvolta la presenza di una forte sintomatologia disturbante la qualità di vita fa pensare che si tratti di un episodio grave che invece dal punto di vista clinico è lieve.

 

Ipoglicemia nel diabete di tipo 1 e 2

I bambini e gli adulti con diabete di tipo 1 sono più soggetti all’insorgenza di ipoglicemie, con un episodio ogni 8 giorni e un’ipoglicemia grave in media ogni 10 mesi; nel caso di diabete di tipo 2 le ipoglicemie si riducono a un episodio ogni 3 settimane, e uno grave ogni 3 anni.
Similmente, le ipoglicemie asintomatiche sono più frequenti nei soggetti con diabete di tipo 1: 63 pazienti con diabete di tipo 1 su 100 contro i 47 su 100 nel tipo 2.

 

I rischi correlati all’ipoglicemia

Oltre ai rischi legati alla ridotta vigilanza e alla perdita di conoscenza, l’ipoglicemia a lungo andare può essere la causa di problemi cardiovascolari, di cui le persone con diabete soffrono frequentemente. Infatti, in carenza di zucchero, l’organismo viene a trovarsi in una condizione infiammatoria, i vasi sanguigni subiscono uno stress e il cuore modifica la propria attività elettrica.

 

Convivere con le ipoglicemie

La minaccia dell’ipoglicemia è uno dei principali limiti alla serenità delle persone con diabete: la costante necessità di stare all’erta e percepire i prodromi dell’abbassamento eccessivo di glucosio nel sangue possono portare a un calo di autostima e alla sensazione di dipendere dal prossimo. Spesso per questo motivo, si tende a diminuire l’aderenza alla terapia e agli stili di vita raccomandati.
Anche i familiari di persone con diabete, specialmente di bambini e ragazzi, vivono con preoccupazione l’eventualità di un’ipoglicemia, specialmente se notturna e quindi meno prevenibile.
L’adesione meticolosa alla terapia con insulina e l’impiego di farmaci flessibili che garantiscano una lunga durata d’azione sono di grande aiuto nel ridurre l’eventualità di ipoglicemie notturne; questi fenomeni, con l’avanzare della ricerca, stanno diventando meno frequenti e meno preoccupanti.

 

 

 

 

Bibliografia

– Yun JS, Ko SH – Avoiding or coping with severe hypoglycemia in patients with type 2 diabetes. Korean J Intern Med. 2015 Jan;30(1):6-16
– Kalra S et al – Hypoglycemia: The neglected complication. Indian J Endocrinol Metab. 2013 Sep;17(5):819-34
Standard Italiani per la cura del diabete mellito, 2014 [pdf]
– Brod M et al – The impact of non-severe hypoglycemic episodes on work productivity and diabetes management. Value Health 2011; 14(5): 665-71
– Donnelly LA et al – Frequency and predictors of hypoglycaemia in Type 1 and insulin-treated. Diabet Med 2005 Jun;22(6):749-55

– Rosenstock J et al – Reduced hypoglycemia risk with insulin glargine: a meta-analysis comparing insulin glargine with human NPH insulin in type 2 diabetes. Diabetes Care. 2005 Apr;28(4):950-5
– Chico A et al – The continuous glucose monitoring system is useful for detecting unrecognized hypoglycemia in patients with type 1 and type 2 diabetes but Is not better than frequent capillary glucose measurements for improving metabolic control. Diabetes Care 2003;26:1153–7
– Allen KV et al – Nocturnal hypoglycemia: clinical manifestations and therapeutic strategies toward preisodeion. Endocr Pract 2003; 9(6):530-43
– Sovik O, Thordarson H – Dead in bed syndrome in young diabetic patients. Diabetes Care 1999;22(suppl 2): B40-B42

 

 

 

Potrebbero interessarti

  • 20 marzo 2017Un peperoncino al giorno…benefici, quantità, usiDagli studi sperimentali di laboratorio e da quelli su volontari emergono benefici interessanti del peperoncino piccante per la prevenzione di molte patologie croniche come l'obesità, il diabete, le malattie cardiovascolari ma anche disturbi gastrointestinali, tumori, dermatopatie e vescica neurologica. Posted in A tavola con il diabete
  • 26 gennaio 2017Sul cargo da Rio a Dakar, destinazione: Mama AfricaIl lungo viaggio in cargo mercantile da Rio de Janeiro a Dakar mi ha regalato subito una bellissima sorpresa. Viaggiare con questa tipologia di barche significa anche trovarsi a mangiare cibo est europeo o al massimo russo, cucinato da cuochi filippini. Posted in Trip Therapy Blog Claudio Pelizzeni
  • 2 febbraio 2017Ho il diabete, non sono il diabeteQuanto conta il coinvolgimento attivo della persona con diabete nel suo percorso di cura? Ne abbiamo parlato con la Dott.ssa Serena Barello**, della Facoltà di Psicologia, Università Cattolica del Sacro Cuore durante un recente convegno organizzato dall’Associazione Diabetici della Provincia di Milano Onlus, presieduta dalla d.ssa Maria Luigia Mottes. Posted in Psicologia