L’acido folico potrebbe aiutare nella cura del piede diabetico

Sono numerosi gli studi in corso nel mondo per valutare la possibilità di usare l’acido folico per la cura di varie patologie, fra cui il piede diabetico. Uno di questi studi è stato condotto dall’iraniano Mansooreh Bagheri e colleghi, del Centro di Ricerca Medica dell’Università di Shiraz.
L’acido folico è una vitamina del gruppo B, indispensabile nelle reazioni di sintesi e riparazione del Dna e in altre reazioni biochimiche; è molto importante per la crescita e la riproduzione delle cellule, in particolare in caso di crescita rapida, come durante la gravidanza, quando è fondamentale per prevenire le malformazioni fetali.
Le ferite provocate dal diabete rappresentano un grave problema a cui ancora non è stato possibile porre un rimedio efficace; la causa sta nella carenza di una molecola indispensabile per la guarigione delle ferite, l’ossido nitrico, NO.
Nelle persone con diabete l’iperglicemia provoca l’aumento della produzione di superossido vascolare, che a sua volta provoca l’inattivazione dell’ossido nitrico e la conseguente disfunzione vascolare; le nuove terapie per la cura delle ferite da diabete sono mirate all’incremento della produzione di NO e quindi all’azione antiossidante dell’acido folico, che rappresenta dunque una risorsa terapeutica sicura ed economica, che dovrà però essere confermata da ulteriori ricerche.

 

 

 

 

Fonte Bagheri M. et al. Folic acid may be a potential addition to diabetic foot ulcer treatment – a hypothesis.Int Wound J. 2011 Dec;8(6):658-60. doi: 10.1111/j.1742-481X.2011.00830.x. Epub 2011 Aug 19

Potrebbero interessarti

  • 31 marzo 2017Promuovere il Patient Engagement nella gestione della cronicità: raccomandazioni per la praticaMercoledì 5 aprile 2017, all’Università Cattolica in largo Gemelli, Milano ricercatori, rappresentanti del mondo clinico, delle associazioni di pazienti e di volontariato e della politica si confronteranno nella Prima Conferenza di Consenso Italiana sul Patient Engagement (CCIPE) in ambito clinico-assistenziale per le malattie croniche, tra cui il diabete. Posted in Linee guida
  • 22 aprile 2017Colesterolo “cattivo” e colesterolo “buono”. Perché?Il colesterolo è un particolare grasso (o lipide) che si trova esclusivamente negli alimenti di origine animale e può essere sintetizzato anche dal nostro organismo. E’ una molecola di grande importanza e utilità biologica, componente di tutte le membrane cellulari e del rivestimento di mielina che ricopre i nervi. Posted in Grassi
  • 21 giugno 2017Lupus e sole: i consigli per gestire la malattia in estateIl lupus eritematoso sistemico (LES) è una malattia autoimmune, dall’origine ancora incerta, che colpisce soprattutto le donne. Circa il 30% delle persone con LES sviluppano nel tempo una seconda, terza o quarta malattia autoimmune, tra cui è possibile anche il diabete di tipo 1, per quanto raramente (0.6%-1.2%). Posted in Diabete e prurito