L’acido folico protegge il cuore dei diabetici

L’omocisteina, un aminoacido, è stata collegata al rischio di patologie più o meno gravi. Sarebbe infatti il suo livello a influire sulla possibilità di sviluppare, tra gli altri, malattie cardiovascolari, ipertensione, arteriosclerosi, diabete.
Già precedenti studi hanno suggerito che controllare il livello di omocisteina nel sangue per mezzo delle vitamine del gruppo B, possa essere un possibile preventivo contro le malattie dell’apparato cardiocircolatorio.
Secondo un nuovo studio ad opera di ricercatori della Chinese University di Hong Kong invece l’acido folico può controllare i livelli di questo aminoacido e invertire le modifiche nei vasi sanguigni ad opera del diabete.
Lo studio è stato condotto su modelli animali e ha scoperto che topi diabetici alimentati con un una dose di acido folico al giorno – equivalente al supplemento di 5 mg di acido folico per un uomo di 70 kg – ha portato a una inversione delle disfunzioni che si verificano nel rivestimento dei vasi sanguigni (disfunzione endoteliale), rispetto a una dose inferiore di micronutrienti.
I topi erano stati suddivisi in due gruppi: a un primo gruppo è stata data una dose di acido folico ogni giorno per un mese, mentre a quelli del secondo gruppo no.
I risultati hanno mostrato che nei topi diabetici a cui non è stato dato nulla si è verificato un rilassamento vascolare, mentre in quelli a cui è stato dato il supplemento il processo è migliorato.
Il dr. Sai Wang Seto che ha coordinato lo studio ha dichiarato che il consumo di acido folico può probabilmente migliorare le complicazioni vascolari associate al diabete mellito.
Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Nutritional Biochemistry.

 

 

 
Fonte: 3 novembre 2009, lastampa.it

Potrebbero interessarti

  • 16 gennaio 2017Farmaci. 1 Italiano su 3 non segue la prescrizione del medicoItaliani “anarchici” per quanto riguarda la terapia con farmaci. E questo comportamento ha risvolti negativi sull’aderenza terapeutica. A sottolinearlo è un'indagine dell'Osservatorio nazionale sulla salute della donna (Onda) nella quale si evidenzia la necessità di una migliore comunicazione tra medico e paziente. Posted in Italia
  • 11 novembre 2016Girovita: diamogli un taglioManiglie di Venere, fisico a mela o… odiosa pancetta? Chiamateli come volete ma non esagerate. Troppi chili, soprattutto se concentrati nella parte centrale del corpo aumentano il rischio di diabete, ipertensione e malattie del cuore. Posted in Indici e calcoli, Area interattiva
  • 5 dicembre 2016Com’è fatto il nostro occhio?La superficie del bulbo oculare è formata da tre strati: il più esterno, molto resistente, la sclera, che costituisce la parte bianca dell’occhio e contribuisce a determinarne la forma. Posted in Complicanze oculari - Retinopatia