L’acido folico protegge il cuore dei diabetici

L’omocisteina, un aminoacido, è stata collegata al rischio di patologie più o meno gravi. Sarebbe infatti il suo livello a influire sulla possibilità di sviluppare, tra gli altri, malattie cardiovascolari, ipertensione, arteriosclerosi, diabete.
Già precedenti studi hanno suggerito che controllare il livello di omocisteina nel sangue per mezzo delle vitamine del gruppo B, possa essere un possibile preventivo contro le malattie dell’apparato cardiocircolatorio.
Secondo un nuovo studio ad opera di ricercatori della Chinese University di Hong Kong invece l’acido folico può controllare i livelli di questo aminoacido e invertire le modifiche nei vasi sanguigni ad opera del diabete.
Lo studio è stato condotto su modelli animali e ha scoperto che topi diabetici alimentati con un una dose di acido folico al giorno – equivalente al supplemento di 5 mg di acido folico per un uomo di 70 kg – ha portato a una inversione delle disfunzioni che si verificano nel rivestimento dei vasi sanguigni (disfunzione endoteliale), rispetto a una dose inferiore di micronutrienti.
I topi erano stati suddivisi in due gruppi: a un primo gruppo è stata data una dose di acido folico ogni giorno per un mese, mentre a quelli del secondo gruppo no.
I risultati hanno mostrato che nei topi diabetici a cui non è stato dato nulla si è verificato un rilassamento vascolare, mentre in quelli a cui è stato dato il supplemento il processo è migliorato.
Il dr. Sai Wang Seto che ha coordinato lo studio ha dichiarato che il consumo di acido folico può probabilmente migliorare le complicazioni vascolari associate al diabete mellito.
Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Nutritional Biochemistry.

 

 

 
Fonte: 3 novembre 2009, lastampa.it

Potrebbero interessarti

  • 22 aprile 2017Colesterolo “cattivo” e colesterolo “buono”. Perché?Il colesterolo è un particolare grasso (o lipide) che si trova esclusivamente negli alimenti di origine animale e può essere sintetizzato anche dal nostro organismo. E’ una molecola di grande importanza e utilità biologica, componente di tutte le membrane cellulari e del rivestimento di mielina che ricopre i nervi. Posted in Grassi
  • 22 aprile 2017Che cosa succede quando il colesterolo in circolo è troppo altoIl rischio è che si inneschi il processo dell’aterosclerosi, che progredisce in modo silente fino alla completa ostruzione dei vasi o alla formazione di trombi che ostruiscono il flusso del sangue e che aumentano notevolmente il rischio di malattie cardiovascolari, danni renali e ictus cerebrale. Posted in Grassi
  • 31 marzo 2017Promuovere il Patient Engagement nella gestione della cronicità: raccomandazioni per la praticaMercoledì 5 aprile 2017, all’Università Cattolica in largo Gemelli, Milano ricercatori, rappresentanti del mondo clinico, delle associazioni di pazienti e di volontariato e della politica si confronteranno nella Prima Conferenza di Consenso Italiana sul Patient Engagement (CCIPE) in ambito clinico-assistenziale per le malattie croniche, tra cui il diabete. Posted in Linee guida