L’educazione per migliorare gli stili di vita

Romeo (Ripensare l’Organizzazione per Migliorare l’Educazione e gli Outcome) è il  nome di uno studio che per quattro anni ha coinvolto 12 centri diabetologici e che confrontando i Group Care (l’approccio di gruppo alla terapia) con le visite tradizionali ha dimostrato che queste ultime non contribuiscono ai cambiamenti dello stile e della qualità di vita necessari alle persone con diabete di tipo 2 quanto l’intervento clinico strutturato (Group Care).

 

 
Fonte: Diabete Oggi n. 11, ottobre-novembre 2010

Potrebbero interessarti

  • 31 dicembre 2017Adesione alla terapia per il diabeteL’adesione alla terapia antidiabetica è uno dei principali fattori che concorrono al buon controllo del diabete nel tempo e al minor rischio di complicanze. Una scarsa aderenza terapeutica ha ricadute negative sul controllo della malattia. Posted in Adesione alla terapia
  • 19 febbraio 2018OneTouch24: la teleassistenza oltre il controllo della glicemiaOneTouch24 è l’innovativo servizio di teleassistenza, attivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7, disponibile come App su Apple Store e Google Play per le persone con diabete. OneTouch24 è integrato con la piattaforma OneTouch Reveal®, i glucometri OneTouch® dotati di connettività Bluetooth ed è compatibile con la maggior parte degli smartphone e tablet iOS e Android. Posted in Telemedicina
  • 30 novembre 2017Diabete e invalidità civile: arrivano le linee guidaUn lavoro di due anni condotto dalla Federazione Diabete Giovanile (FDG). Medici del lavoro, giuristi e diabetologi concordano: “La normativa è vecchia e i pareri delle commissioni difformi”. Cabras (FDG):” Siamo contro le posizioni demagogiche, ci vuole coerenza e serietà”. Posted in Linee guida