L’insulina influenza la temperatura corporea

Stando a uno studio dello Scripps Research Institute di La Jolla, diretta dal Dottor Manuel Sanchez-Alavez e pubblicato da Diabetes, l’insulina è coinvolta nel processo di regolazione della temperatura corporea, accelerando inoltre il metabolismo e “accendendo” il grasso bruno.
La squadra del Dottor Sanchez-Alvarez ha lavorato con alcuni topi da laboratorio, iniettando loro insulina in una specifica regione del cervello. Essi hanno così notato come la presenza dell’ormone faceva aumentare la temperatura, accelerava il metabolismo e provocava l’attivazione del grasso bruno. Per il Dottor Sanchez-Alvarez, nonostante si conoscesse già il legame tra l’insulina e la regolazione del glucosio nei tessuti vicini al cervello, la relazione tra insulina e controllo della temperatura è del tutto nuova.
Lo studioso fa inoltre notare come di norma la temperatura rientri in valori definiti, con piccole modifiche ad personam. Quando ciò non avviene (si verificano cioè valori anomali per lungo tempo) si parla di ipertermia (alta) o ipotermia (bassa) e ci possono essere conseguenze per la salute.
La ricerca Institute apre nuove prospettive sulla comprensione dei meccanismi legati alla regolazione della temperatura corporea generale, nonché di quelle parti del corpo che contengono organi vitali come il tronco e la testa. Inoltre, si potrà gestire meglio quelle malattie strettamente legate all’insulina, come il diabete. A questo proposito, gli studiosi evidenziano come una dieta ristretta sia legata ad un cambiamento della temperatura; ciò potrebbe portare a nuovi farmaci anti-obesità.
 

 
Fonte: 23 novembre 2009, newsfood.com

Potrebbero interessarti

  • 6 luglio 2017AGE e glicazione: che cosa sono?Il termine AGE si riferisce a una serie di composti chimici prodotti quando gli zuccheri si combinano con proteine o grassi (glicazione avanzata). Si trovano per esempio sulle superfici dorate o abbrustolite di cibi fritti o grigliati, oppure sul pane tostato. Posted in Carboidrati (zuccheri), Nutrizione
  • 27 giugno 2017Lo studio REMOVALIl trattamento a lungo termine con metformina potrebbe ridurre il rischio cardiovascolare negli adulti con diabete tipo 1: questi i risultati dello studio REMOVAL (REducing with MetfOrmin Vascular Adverse Lesions) presentati alle 77° Sessioni scientifiche dell’American Diabetes Association (ADA 2017).   Posted in Metformina e ipoglicemizzanti orali
  • 15 giugno 2017II° Conferenza Regionale delle Associazioni di persone con diabete in SiciliaL’Evento è promosso dalla Federazione Diabete Sicilia che si propone di promuovere l’aggregazione tra le diverse Associazioni presenti sul territorio regionale al fine di far fronte alle sempre più complesse problematiche della persona con diabete. Posted in EVENTI - 2017