La cura quotidiana dei piedi è una sana abitudine

Quando si ha il diabete, è bene essere a conoscenza delle alterazioni che possono verificarsi nei piedi e sapere come minimizzarne i rischi.

La maggior parte dei diabetici non subisce gravi danni ai piedi, ma quelli che ne soffrono possono prevenire il peggioramento prestando, con regolarità, le dovute attenzioni.

Si parla di piede diabetico quando un danno nervoso (neuropatia diabetica) e/o un danno alle arterie (arteriopatia) degli arti inferiori compromettono la funzione o la struttura del piede, fino a provocare ulcere che – se non curate correttamente – possono facilmente infettarsi fino a rendere necessaria l’amputazione (vedi schema). I due quadri, definiti spesso come “piede neuropatico” o “piede ischemico” sono profondamente diversi tra loro: tuttavia, nella maggior parte dei soggetti – soprattutto in età avanzata – coesiste sia la neuropatia che l’arteriopatia, e si parla quindi di piede neuroischemico.

 

Una sana circolazione ai piedi favorisce il benessere dei tessuti e può essere favorita
mantenendo un buon controllo del diabete,
seguendo un’alimentazione corretta,
facendo regolare attività fisica e smettendo di fumare.

 

Con un corretto approccio diagnostico e la cura adeguata, è possibile guarire le lesioni ulcerose del piede e ridurre così il rischio di amputazione degli arti inferiori.

Potrebbero interessarti

  • 3 maggio 2017MicroalbuminuriaLa presenza di piccole quantità di albumina nelle urine (microalbuminuria) può comparire negli stadi molto precoci della nefropatia diabetica e può fungere da campanello d’allarme per questa temibile complicanza. Posted in Capire gli esami
  • 31 maggio 2017I rischi del fumoIl fumo è considerato il principale fattore di rischio per le patologie respiratorie, malattie cardiovascolari, tumori al polmone, al cavo orale, laringe e diversi tipi di neoplasie. Il fumo, attivo o passivo, produce nell’organismo diversi effetti dannosi, tra cui un maggior rischio di diabete di tipo 2. Posted in Fumo
  • 22 aprile 2017Che cosa succede quando il colesterolo in circolo è troppo altoIl rischio è che si inneschi il processo dell’aterosclerosi, che progredisce in modo silente fino alla completa ostruzione dei vasi o alla formazione di trombi che ostruiscono il flusso del sangue e che aumentano notevolmente il rischio di malattie cardiovascolari, danni renali e ictus cerebrale. Posted in Grassi