La dimensione delle cellule adipose predice rischio diabete nelle donne

Le donne con cellule adipose grandi hanno più probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2 con il passare degli anni. Lo sostengono gli studiosi della University of Gothenburg, in Svezia, in seguito a una ricerca condotta su 1302 donne tra i 38 e i 60 anni a partire dagli anni 1974-1975. Alle partecipanti è stato effettuato un iniziale controllo di salute generale, mentre un piccolo gruppo di queste (245 donne) è stato sottoposto a ulteriori analisi volte ad accertare la conformazione corporea e a misurare la dimensione di adipociti addominali e femorali tramite biopsie dei tessuti adiposi.
Seguendo e monitorando queste 245 donne fino al 2001 i ricercatori hanno osservato che quelle che nel tempo avevano sviluppato il diabete di tipo 2 (36 soggetti) erano le stesse che avevano inizialmente adipociti addominali più grandi rispetto alle donne che erano rimaste sane. Anche la presenza di adipociti femorali più grandi veniva associata a un rischio maggiore di andare incontro al diabete, seppur con minor forza rispetto a quelli addominali.
Questi risultati mostrano perciò che la dimensione delle cellule adipose, in particolar modo di quelle nella zona addominale, può essere un parametro utile per determinare il rischio di diabete nelle donne di mezza età, senza contare l’importanza di questi dati nello studio e nella conoscenza della patogenesi di una malattia tanto diffusa come il diabete mellito.

 

 
Fonte: The FASEB Journal, 23 settembre 2009; Advance Online Publication

Potrebbero interessarti

  • 27 settembre 2017L’obesità si associa a un elevato rischio di sviluppare diabete di tipo 2Tale rischio è stato ampiamente sottolineato al Congresso della Società Italiana dell’Obesità (SIO) che si è svolto a Milano il 15-16 settembre 2017 dove un’intera sessione è stata dedicata alla diabesità ovvero la frequente associazione tra obesità e diabete di tipo 2 (DT2). Ma quali sono i pazienti con un più alto rischio di DT2? Posted in Fattori di rischio
  • 10 agosto 2017La sfida del “diabete urbano”Nel 1950 un abitante del pianeta su 3, pari a 749 milioni di persone, viveva in città; oggi è 1 su 2, cioè 3,9 miliardi; entro il 2050 saranno 2 su 3, per 6,4 miliardi. Contemporaneamente cresce il numero di persone con diabete, passate dai 285 milioni del 2010 ai 415 milioni di oggi. Posted in Italia
  • 11 ottobre 2017Carenza di vitamina D: sorvegliata speciale per osteoporosi, artrosi e sarcopeniaDal 5 al 7 ottobre 2017, si è tenuto a Napoli il VI Congresso di ASON, l’Associazione rappresentativa di specialisti ortopedici, fisiatri e reumatologi operanti sul territorio. Quest’anno, focus sulla mancanza ormai epidemica di vitamina D che, oltre alle patologie osteoarticolari, si associa sempre più spesso anche a diabete di tipo 2, sclerosi multipla e demenza senile. Posted in Diabete e osteoporosi