La glicemia sotto controllo riduce la retinopatia diabetica

Tutti i malati di diabete, anche quelli di tipo 2, devono tenere sotto controllo la glicemia perché l’eccesso di zuccheri nel sangue può portare alla retinopatia diabetica che però può essere ridotta del 33% tenendo bassa la glicemia.
Lo afferma una ricerca effettuata su quasi tremila persone nell’ambito di una più ampia ricerca sull’effetto di diverse terapie su diabetici non gravi e pubblicata sul New England Journal of Medicine.
Secondo lo studio, il tasso di progressione della retinopatia diabetica si è ridotto grazie al controllo intensivo della glicemia per evitarne gli sbalzi, abbinato alla cura contro l’aumento brusco dei grassi nel sangue, ma non al controllo della pressione sanguigna. La retinopatia è peggiorata nel 10,4% dei malati curati con la terapia standard mentre in quelli sottoposti al trattamento intensivo contro la glicemia il peggioramento si è limitato al 7,3%.

 

 
Fonte: 1 luglio 2010, iapb.it

Potrebbero interessarti

  • 19 settembre 2017DT2, Studio DEVOTE: meno ipoglicemie gravi, più basso rischio di mortalitàI nuovi risultati dello studio DEVOTE, primo studio sugli esiti cardiovascolari che confronta le due insuline basali degludec e glargine, in pazienti con diabete di tipo 2, sono stati presentati al recente 53° Congresso dell’#EASD2017 (European Association for the Study of Diabetes) di Lisbona e pubblicati in contemporanea sulla prestigiosa rivista scientifica Diabetologia. Posted in Metformina e ipoglicemizzanti orali
  • 5 luglio 2017CMMC – Cooperativa Medici Milano CentroLa CMMC è una cooperativa di servizio nata già nel 1997 con l’obiettivo di fornire, ai propri soci medici di medicina generale (MMG), gli strumenti e i servizi necessari allo svolgimento della professione (spazi, personale, attrezzature) in una logica di economia di scala. Posted in Regioni
  • 6 luglio 2017I.M.L. – Cooperativa Iniziativa Medica LombardaIML, iniziativa no profit, è in grado di offrire ai medici di famiglia tutti gli strumenti necessari per la gestione della cronicità che, da soli, non potrebbero avere. Si occupa della fornitura di strumenti informatici sempre più avanzati e di supporto al telemonitoraggio e alla telemedicina. Posted in Regioni