La mancanza di tempo, la scusa imperfetta

Un ostacolo – vero o presunto – all’esercizio fisico è spesso la “mancanza di tempo”. Ma, riflettiamoci, se qualcosa ci interessa veramente troviamo il tempo di farla. In questo caso la questione è troppo importante: c’è in ballo la propria salute. Se non si ha tempo è perché ci si dedica a qualcos’altro. Ed è un peccato perché fare movimento, svolgere un’attività fisica o fare sport – è esperienza comune – rende il tempo restante più produttivo.

 

 

Dopo avere iniziato a fare movimento in modo regolare
si percepisce un miglioramento fisico ed intellettuale
con un aumento della concentrazione e dell’energia.

 

 

    • L’attività fisica è praticabile quasi ovunque e in qualsiasi momento ed è facile inserirla nella propria agenda. Talvolta, basta davvero un piccolo sforzo di volontà per iniziare.

 

    • Una volta scelto l’orario più indicato al proprio stile di vita è preferibile mantenerlo. La pratica ad orari fissi e in giorni prefissati aiuta ad essere costanti e a non abbandonare…. Senza contare che si fa un’attività insieme ad altri aiuta anche a socializzare.

 

    • L’attività preferita è la più indicata perché il divertimento favorisce il raggiungimento dei propri obiettivi.

 

    • Programmare ogni giorno 30-60 minuti dedicati all’attività fisica può essere non sempre praticabile, è vero, tuttavia si possono ottenere gli stessi risultati sommando brevi periodi di allenamento (per esempio di 10 minuti l’uno) svolti durante l’arco delle 24 ore; l’importante è il totale realizzato.

Potrebbero interessarti

  • 10 ottobre 2017“Muoviti-muoviti”: cultura del movimento al Pini-CTO di MilanoQuando l’attività fisica aiuta a contrastare l’evoluzione delle malattie croniche. L’iniziativa si è svolta sabato 7 ottobre 2017 a Milano: un’intera giornata dedicata alla cultura del movimento che ha visto gli specialisti del Pini-CTO disponibili a rispondere a dubbi e domande della cittadinanza. La manifestazione, gratuita e aperta a tutti, è stata promossa da SIMFER, Happy Ageing e […] Posted in Movimento
  • 10 agosto 2017La sfida del “diabete urbano”Nel 1950 un abitante del pianeta su 3, pari a 749 milioni di persone, viveva in città; oggi è 1 su 2, cioè 3,9 miliardi; entro il 2050 saranno 2 su 3, per 6,4 miliardi. Contemporaneamente cresce il numero di persone con diabete, passate dai 285 milioni del 2010 ai 415 milioni di oggi. Posted in Italia
  • 9 agosto 2017Diabete tipo 2 e attività in acqua: benefica per cuore, vasi e non soloCorrere o camminare in acqua, fare spinning, nuotare, son attività efficaci per migliorare il controllo della glicemia tanto quanto altri tipi di allenamento che magari piacciono di meno. Posted in Attività fisica e sport