La mancanza di tempo, la scusa imperfetta

Un ostacolo – vero o presunto – all’esercizio fisico è spesso la “mancanza di tempo”. Ma, riflettiamoci, se qualcosa ci interessa veramente troviamo il tempo di farla. In questo caso la questione è troppo importante: c’è in ballo la propria salute. Se non si ha tempo è perché ci si dedica a qualcos’altro. Ed è un peccato perché fare movimento, svolgere un’attività fisica o fare sport – è esperienza comune – rende il tempo restante più produttivo.

 

 

Dopo avere iniziato a fare movimento in modo regolare
si percepisce un miglioramento fisico ed intellettuale
con un aumento della concentrazione e dell’energia.

 

 

    • L’attività fisica è praticabile quasi ovunque e in qualsiasi momento ed è facile inserirla nella propria agenda. Talvolta, basta davvero un piccolo sforzo di volontà per iniziare.

 

    • Una volta scelto l’orario più indicato al proprio stile di vita è preferibile mantenerlo. La pratica ad orari fissi e in giorni prefissati aiuta ad essere costanti e a non abbandonare…. Senza contare che si fa un’attività insieme ad altri aiuta anche a socializzare.

 

    • L’attività preferita è la più indicata perché il divertimento favorisce il raggiungimento dei propri obiettivi.

 

    • Programmare ogni giorno 30-60 minuti dedicati all’attività fisica può essere non sempre praticabile, è vero, tuttavia si possono ottenere gli stessi risultati sommando brevi periodi di allenamento (per esempio di 10 minuti l’uno) svolti durante l’arco delle 24 ore; l’importante è il totale realizzato.

Potrebbero interessarti

  • 25 ottobre 2016Walking Day, Milano 5-6 novembre 2016Il 5/6 Novembre 2016 si terrà il primo Walking Day a Milano presso l’Arena Civica, evento promosso da OPES Italia – Ente di Promozione Sportiva e dalla Scuola di Fitwalking con il Patrocinio di Regione Lombardia. Posted in EVENTI - 2016
  • 27 dicembre 2016L’ultimo saluto al BrasileDalla foresta amazzonica fino alle coste Nord del Brasile, era iniziato il vero e proprio viaggio all’interno di questo meraviglioso stato sudamericano. Ho navigato per cinque giorni il rio delle Amazzoni e non è stato semplice gestire il diabete di tipo 1, mio fedele compagno in questo viaggio. Posted in Trip Therapy Blog Claudio Pelizzeni
  • 7 dicembre 2016Roma: metropoli scelta per il 2017 dal programma Cities Changing Diabetes®Il progetto coinvolge Istituzioni nazionali, amministrazioni locali, mondo accademico e terzo settore, con l’obiettivo di evidenziare il legame fra il diabete, in particolare diabete di tipo 2, e le grandi città e promuovere iniziative per salvaguardare la salute dei cittadini e prevenire la malattia. Posted in Mondo, Europa