La metformina a lento rilascio finalmente rimborsabile

La metformina a lento rilascio finalmente rimborsabile

Dal 23 giugno 2016, la nuova formulazione del farmaco base della cura del diabete di tipo 2 viene finalmente promossa in Classe A e quindi sarà rimborsata dal Servizio Sanitario Nazionale. Una decisione molto attesa, sia dai medici che dai pazienti con DT2, considerando i significativi vantaggi, soprattutto a livello gastrointestinale, della formulazione a lento rilascio rispetto a quella tradizionale.

 

È rimborsata dal Servizio Sanitario Nazionale, a partire dal 23 giugno, la formulazione a lento rilascio dell’antidiabetico orale metformina, il farmaco considerato il gold standard per l’avvio della cura del diabete di tipo 2. Lo ha stabilito l’Agenzia italiana del farmaco (AIFA), che ha inserito la metformina a rilascio prolungato in classe A di rimborsabilità, a totale carico del SSN con provvedimento pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 22.06.2016.

“È una decisione che ci attendevamo – ha dichiarato il prof. Carlo Maria Rotella, Ordinario di Endocrinologia e Direttore della Scuola di Specializzazione di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo dell’Università di Firenze, infatti la metformina a lento rilascio offre alcuni significativi vantaggi rispetto alla formulazione convenzionale, primo fra tutti una migliore tollerabilità a livello gastrointestinale, il vero tallone d’Achille di questo principio attivo, oltre alla possibilità di assumere il farmaco una sola volta al giorno, anche a dosaggio lievemente più basso, ottenendo la medesima efficacia. E anche questo non è un vantaggio da poco per chi deve prenderla tutti i giorni.

 

La migliore tollerabilità gastrointestinale della formulazione a lento rilascio

1 persona su 4 in cura con metformina, può accusare effetti collaterali gastrointestinali che, nel 5-10% dei casi, sono così fastidiosi da costringere a cambiare farmaco. La nuova formulazione a lento rilascio, già in commercio da diversi mesi, ha dimostrato il dimezzamento (-53%) di questo tipo di effetti collaterali, con, in particolare, la riduzione del 77% della diarrea. L’effetto positivo si riscontra anche in chi passa dalla formulazione tradizionale a quella a lento rilascio, rendendo quest’ultima formulazione indicata anche nelle persone intolleranti alla metformina ad assorbimento rapido (la metformina tradizionale).

 

metformina-a-lento-rilascio-rimborsabile-legenda

Rappresentazione schematica di una compressa di metformina a lento rilascio con tecnologia GelShield System. (Fonte: J Davidson, H Howlett, Br J Diabetes Vasc Dis 2004; 4: 273-7)

La metformina a lento rilascio utilizza una tecnologia d’avanguardia, denominata GelShield Diffusion System, che determina il rilascio di principio attivo con maggiore lentezza: prove in vitro dimostrano che, indipendentemente dal pH, il 90% del principio attivo viene rilasciato nell’arco di 10 ore, mentre ciò avviene in circa 30 minuti con la formulazione standard.

 

In prove su volontari sani, si è dimostrato che anche l’assorbimento della metformina a lento rilascio è più graduale, tanto che la concentrazione massima nel plasma si raggiunge in 7 ore, rispetto alle 2-3 ore del farmaco in formulazione standard. Questa caratteristica, unita al fatto che le compresse di metformina a lento rilascio vanno assunte di sera, dopo il pasto, e che di notte si ha un fisiologico rallentamento dello svuotamento gastrointestinale, permette la monosomministrazione giornaliera.

 

La metformina è un farmaco impiegato da oltre 50 anni nella cura del diabete di tipo 2 ed è tuttora raccomandata come terapia di prima linea, in monoterapia o associata ad altri farmaci antidiabetici, per i suoi effetti positivi sul controllo della glicemia, l’impatto neutro sul peso corporeo, il basso rischio di ipoglicemia. La metformina può essere impiegata anche nel diabete di tipo 1, in associazione all’insulina, in caso di persone obese che inevitabilmente sono divenute insulino-resistenti, per il suo effetto insulino-sensibilizzante, antagonista sul glucagone e anche blandamente anoressizzante.

 

 

Fonti

Gazzetta Ufficiale, 22 giugno 2016

AIFA – Riclassificazione del medicinale per uso umano «Glucophage Unidie», ai sensi dell’articolo 8, comma 10, della legge 24 dicembre 1993, n. 537. (Determina n. 784/2016). (16A04645) (GU Serie Generale n.144 del 22-6-2016)

Potrebbero interessarti

  • PrediabetePrediabete: che cosa si intende?13 ottobre 2016In molti casi, la diagnosi di diabete mellito di tipo 2 è preceduta da una fase cosiddetta di “pre-diabete” del tutto asintomatica, caratterizzata da livelli di glucosio nel sangue lievemente superiori alla norma, ma non così elevati da determinare un diabete conclamato e da livelli superiori di insulina nel sangue provocata da precoce insulino-resistenza.

    Continua a leggere

  • Metformina e ipoglicemizzanti oraliQuando è indicata la metformina a lento rilascio?5 ottobre 2016In tutto il mondo, la metformina a rilascio immediato viene impiegata in clinica da molti anni e rappresenta tuttora il trattamento di prima scelta e di riferimento per i pazienti con diabete mellito di tipo 2. Tuttavia, si è osservato che alcuni pazienti non riescono ad assumere dosi adeguate di farmaco per problemi di tollerabilità gastrointestinale e aderenza alla terapia.

    Continua a leggere

  • Diabete al femminileLa medicina di genere14 novembre 2016La Medicina di genere è finalizzata a garantire l’appropriatezza della terapia a ogni persona, uomo o donna che sia, rafforzando il concetto della centralità del singolo paziente che il medico si trova davanti e alle sue specifiche esigenze di salute.

    Continua a leggere