La nicotina può provocare complicanze ai diabetici

Un team di studiosi della California State Polytechnic University di Pomona ha scoperto che nei diabetici la nicotina è responsabile dell’aumento dei livelli di emoglobina glicata (sigla HbA1c, indica l’andamento dei livelli di zucchero nelle ultime settimane) e può provocare complicanze come ictus, attacchi di cuore, danni al sistema nervoso e insufficienza renale. Liu Xiao-Chuan, presentando i risultati della ricerca nel corso del 241° National Meeting & Exposition dell’American Chemical Society, ha spiegato: «La nostra ricerca è la prima a stabilire un forte legame tra la nicotina e le complicanze del diabete: finora nessuno sapeva che più alto è il livello di nicotina, più alto è l’HbA1c. Per questo i diabetici fumatori dovrebbero essere particolarmente interessati a smettere di fumare».

 

Fonte 27 marzo 2011, portal.acs.org

Potrebbero interessarti

  • 16 marzo 2017Metformina: confermata terapia di prima linea nel trattamento del diabete tipo 2La metformina rappresenta il golden standard per il trattamento di prima scelta nel diabete di tipo 2 (DT2); quando necessario, la terapia combinata con una o più altre molecole deve iniziare precocemente. Sono alcune delle raccomandazioni inserite in un aggiornato documento sinottico dell’American Diabetes Association (ADA) , pubblicato online su Annals of Internal Medicine, il 14 marzo 2017. Posted in Metformina e ipoglicemizzanti orali
  • 10 febbraio 2017Prevenzione cardiovascolare. La banca del cuore va in tourParte da Sanremo (8-11 febbraio 2017), toccando poi 30 città. Ad ogni sosta, previsti screening gratuiti di prevenzione cardiovascolare. La Banca del Cuore è una "cassaforte" virtuale che custodisce il proprio elettrocardiogramma con i valori della pressione arteriosa e i dati clinici della singola persona che ha aderito al progetto. Posted in EVENTI - 2017
  • 31 gennaio 2017Diabete: Il coinvolgimento attivo del caregiver nel processo di curaL’Associazione Diabetici della Provincia di Milano (ADPMI) sta collaborando con l’Università Cattolica del sacro Cuore di Milano, dipartimento di Psicologia, al progetto di “Validazione di uno strumento per la valutazione del coinvolgimento del caregiver/familiare nel processo di cura: la caregiver-patient health engagement scale (C-PHE)”. Posted in Aspetti psicologici