La pasta italiana riduce l’assorbimento degli zuccheri

L’indice glicemico della pasta prodotta in Italia è migliore rispetto a quello della pasta prodotta all’estero grazie all’alta qualità delle materie prime e dei nostri sistemi di essiccazione che ne rendono lo zucchero assimilabile più lentamente, a vantaggio del sistema cardiocircolatorio, delle funzioni intestinali e della linea. Della tutela e della promozione della tradizione alimentare e gastronomica italiana si è trattato nel corso di ‘Alimentazione su misura’ che si è svolta nei giorni scorsi a Padova; ne hanno discusso il presidente dei Produttori di Pasta fresca della Confartigianato Veneto, Luca Dalla Corte, e Giacomo Mondelli, esperto del settore. Da Corte ha sottolineato che «Genuinità e salubrità sono le garanzie sempre più richieste dai consumatori di prodotti alimentari italiani, dunque è necessario dedicare grande attenzione anche al marketing e all’immagine dei nostri prodotti per identificare strade innovative che garantiscano il successo sui mercati interni ed esteri. Per superare la crisi mondiale le piccole imprese artigiane, che incontrano ostacoli nella distribuzione e vendita pur realizzando prodotti di alta qualità, devono trovare soluzioni per internazionalizzarsi e aumentare e consolidare la propria presenza sui mercati esteri».

 

 

 

Fonte: 9 ottobre, agi.it

Potrebbero interessarti

  • 27 dicembre 2016L’ultimo saluto al BrasileDalla foresta amazzonica fino alle coste Nord del Brasile, era iniziato il vero e proprio viaggio all’interno di questo meraviglioso stato sudamericano. Ho navigato per cinque giorni il rio delle Amazzoni e non è stato semplice gestire il diabete di tipo 1, mio fedele compagno in questo viaggio. Posted in Trip Therapy Blog Claudio Pelizzeni
  • 25 novembre 2016L’Uruguay e l’arrivo in BrasileL'Uruguay è probabilmente lo stato meglio sviluppato del Sudamerica. La qualità del cibo è ottima, almeno a giudicare da quello che vedevo nei mercati e nei ristoranti, ma i costi mi hanno costretto a cucinare praticamente sempre da solo in ostello. Posted in Trip Therapy Blog Claudio Pelizzeni
  • 25 novembre 2016L’Iran del velo, dei datteri e dei materassi per terra: bici-diario col diabete di tipo 1Nel giro di quarantacinque lunghi giorni, insieme a Riccardo, ho pedalato quasi 2000 km di Iran, da Nord a Sud, avendo modo di vedere panorami mozzafiato, visitare tantissime città e villaggi, dai più anonimi alle magnifiche Esfahan e Shiraz, farci incantare della raffinata architettura persiana, mangiare piatti locali (purtroppo  poco vari) e conoscere un numero spropositato di iraniani. Posted in For a piece of cake