La pasta italiana riduce l’assorbimento degli zuccheri

L’indice glicemico della pasta prodotta in Italia è migliore rispetto a quello della pasta prodotta all’estero grazie all’alta qualità delle materie prime e dei nostri sistemi di essiccazione che ne rendono lo zucchero assimilabile più lentamente, a vantaggio del sistema cardiocircolatorio, delle funzioni intestinali e della linea. Della tutela e della promozione della tradizione alimentare e gastronomica italiana si è trattato nel corso di ‘Alimentazione su misura’ che si è svolta nei giorni scorsi a Padova; ne hanno discusso il presidente dei Produttori di Pasta fresca della Confartigianato Veneto, Luca Dalla Corte, e Giacomo Mondelli, esperto del settore. Da Corte ha sottolineato che «Genuinità e salubrità sono le garanzie sempre più richieste dai consumatori di prodotti alimentari italiani, dunque è necessario dedicare grande attenzione anche al marketing e all’immagine dei nostri prodotti per identificare strade innovative che garantiscano il successo sui mercati interni ed esteri. Per superare la crisi mondiale le piccole imprese artigiane, che incontrano ostacoli nella distribuzione e vendita pur realizzando prodotti di alta qualità, devono trovare soluzioni per internazionalizzarsi e aumentare e consolidare la propria presenza sui mercati esteri».

 

 

 

Fonte: 9 ottobre, agi.it

Potrebbero interessarti

  • 30 giugno 2017Il diabete tipo 1 raccontato da chi lo vive ogni giorno, con il microinfusorePresentata a Milano in anteprima la nuova miniserie “É tutto un attimo” ideata e recitata dai pazienti stessi per raccontare il vissuto di una persona con diabete di tipo 1 e come il microinfusore possa cambiare la qualità della vita. Posted in NEWS - 2017
  • 30 giugno 2017Gli ultimi 1000 km di spiagge, Ramadan e grattacieliCi troviamo in Malesia dopo un anno di avventure sui pedali: sono passati 17.000 km sotto le nostre ruote e questo mondo incredibile non ha ancora finito di stupirci. Dopo la parentesi cambogiana siamo rientrati in Thailandia e ne abbiamo seguito fedelmente la costa. Posted in For a piece of cake
  • 27 giugno 2017Lo studio REMOVALIl trattamento a lungo termine con metformina potrebbe ridurre il rischio cardiovascolare negli adulti con diabete tipo 1: questi i risultati dello studio REMOVAL (REducing with MetfOrmin Vascular Adverse Lesions) presentati alle 77° Sessioni scientifiche dell’American Diabetes Association (ADA 2017).   Posted in Metformina e ipoglicemizzanti orali