La prima colazione protegge dalle malattie cardiache e dal diabete

Una conferma che la prima colazione è il pasto più importante della giornata arriva da uno studio condotto in Tasmania da un gruppo di ricercatori del Menzies Research Institute secondo il quale saltare la colazione per lunghi periodi può portare come conseguenze alcune malattie cardiache e il diabete. Un’indagine condotta per 20 anni dal National Nutrition Survey su duemila persone nel corso della loro vita, ha rivelato che il 23% degli adulti e il 10% dei bambini normalmente non fa colazione. La prima autrice della ricerca australiana, Kylie Smith, ha spiegato che «La circonferenza della vita è maggiore fra le persone che nella loro vita abitualmente non fanno colazione, così come sono più alti i livelli di insulina a digiuno, del colesterolo totale e del colesterolo ‘cattivo’ LDL. E questo aumenta il rischio di malattie cardiache e di diabete». Come ha dichiarato Alison Venn, che ha supervisionato lo studio «Sarebbe importante per la salute pubblica promuovere i vantaggi della prima colazione, a cominciare dai genitori che dovrebbero dare il buon esempio ai figli». La ricerca è stata pubblicata sull’American Journal of Clinical Nutrition.

 

 

 

Fonte: 11 novembre, salute24.ilsole24ore.com

Potrebbero interessarti

  • 11 novembre 2016Girovita: diamogli un taglioManiglie di Venere, fisico a mela o… odiosa pancetta? Chiamateli come volete ma non esagerate. Troppi chili, soprattutto se concentrati nella parte centrale del corpo aumentano il rischio di diabete, ipertensione e malattie del cuore. Posted in Indici e calcoli, Area interattiva
  • 23 ottobre 2016Il diabete di tipo 1 in ItaliaSono 18mila, secondo i dati della Siedp, i bambini e gli adolescenti colpiti in Italia dal diabete tipo 1, la forma più grave della malattia che richiede la somministrazione dell’insulina, attraverso iniezioni da quattro a sei volte al giorno oppure l’impiego del microinfusore. Posted in Diabete di tipo 1
  • 7 dicembre 2016Roma: metropoli scelta per il 2017 dal programma Cities Changing Diabetes®Il progetto coinvolge Istituzioni nazionali, amministrazioni locali, mondo accademico e terzo settore, con l’obiettivo di evidenziare il legame fra il diabete, in particolare diabete di tipo 2, e le grandi città e promuovere iniziative per salvaguardare la salute dei cittadini e prevenire la malattia. Posted in Mondo, Europa