La prima colazione protegge dalle malattie cardiache e dal diabete

Una conferma che la prima colazione è il pasto più importante della giornata arriva da uno studio condotto in Tasmania da un gruppo di ricercatori del Menzies Research Institute secondo il quale saltare la colazione per lunghi periodi può portare come conseguenze alcune malattie cardiache e il diabete. Un’indagine condotta per 20 anni dal National Nutrition Survey su duemila persone nel corso della loro vita, ha rivelato che il 23% degli adulti e il 10% dei bambini normalmente non fa colazione. La prima autrice della ricerca australiana, Kylie Smith, ha spiegato che «La circonferenza della vita è maggiore fra le persone che nella loro vita abitualmente non fanno colazione, così come sono più alti i livelli di insulina a digiuno, del colesterolo totale e del colesterolo ‘cattivo’ LDL. E questo aumenta il rischio di malattie cardiache e di diabete». Come ha dichiarato Alison Venn, che ha supervisionato lo studio «Sarebbe importante per la salute pubblica promuovere i vantaggi della prima colazione, a cominciare dai genitori che dovrebbero dare il buon esempio ai figli». La ricerca è stata pubblicata sull’American Journal of Clinical Nutrition.

 

 

 

Fonte: 11 novembre, salute24.ilsole24ore.com

Potrebbero interessarti

  • PrediabetePrediabete: che cosa si intende?13 ottobre 2016In molti casi, la diagnosi di diabete mellito di tipo 2 è preceduta da una fase cosiddetta di “pre-diabete” del tutto asintomatica, caratterizzata da livelli di glucosio nel sangue lievemente superiori alla norma, ma non così elevati da determinare un diabete conclamato e da livelli superiori di insulina nel sangue provocata da precoce insulino-resistenza.

    Continua a leggere

  • Indici e calcoli, Area interattivaGirovita: diamogli un taglio11 novembre 2016Maniglie di Venere, fisico a mela o… odiosa pancetta? Chiamateli come volete ma non esagerate. Troppi chili, soprattutto se concentrati nella parte centrale del corpo aumentano il rischio di diabete, ipertensione e malattie del cuore.

    Continua a leggere

  • ItaliaItaliani e movimento: solo 1 su 3 pratica uno sport nel tempo libero17 ottobre 2016L’Italia è un paese pigro e continua ad esserlo come evidenziato nel recente Convegno “Salute e sport per il benessere nelle città” promosso da Health City Institute nell’ambito dell’assemblea Anci a Bari, il 13 ottobre. La pigrizia cresce da Nord a Sud ed è più presente nei piccoli centri e nelle periferie, secondo i dati ISTAT.

    Continua a leggere