Le dimensioni del problema

Gravidanze complicate da diabete nel mondo (3-5% di tutte le gravidanze)

USA 150mila – 160mila / anno
Europa 150mila / anno
Italia 30mila – 40mila /anno

diabeteGrav

Fonte: Studio D.A.W.N. Italia – Il diabete in gravidanza, 2009

 

Si stima che circa il 6-7% delle gravidanze di donne europee sia complicato dal diabete mellito, rappresentato nel 97.5% dei casi da diabete gestazionale (diabete comparso per la prima volta in gravidanza) e solo in 0,25% dei casi da diabete preesistente (tipo1 o tipo 2).

Sulla base dei dati di prevalenza nazionali, si stima che ogni anno in Italia si verifichino circa 40.000 gravidanze complicate da diabete gestazionale e circa 1.300 da diabete pre-esistente.

In accordo con i dati europei, anche in Italia la percentuale di gravidanze pianificate risulta inferiore al 50% nelle donne con diabete tipo 1 e al 40% in quelle con diabete tipo 2.
Questo spiega almeno in parte come l’incidenza di malformazioni nella popolazione diabetica risulti 5-10 volte maggiore rispetto alla popolazione generale; allo stesso modo appare più elevata l’incidenza di parti pre-termine e di tagli cesarei.

(Fonte: Standard Italiani per la Cura del Diabete Mellito, 2007)

 

Potrebbero interessarti

  • 21 giugno 2017Lupus e sole: i consigli per gestire la malattia in estateIl lupus eritematoso sistemico (LES) è una malattia autoimmune, dall’origine ancora incerta, che colpisce soprattutto le donne. Circa il 30% delle persone con LES sviluppano nel tempo una seconda, terza o quarta malattia autoimmune, tra cui è possibile anche il diabete di tipo 1, per quanto raramente (0.6%-1.2%). Posted in Diabete e prurito
  • 26 giugno 2017Diabete e osteoporosi: quale correlazione?Un maggior rischio di fratture da osteoporosi è stato riscontrato sia in pazienti con diabete di tipo 1 che diabete di tipo 2 (DT2). Il meccanismo responsabile è particolarmente complesso e non ancora del tutto chiarito. Posted in Diabete e osteoporosi
  • 11 agosto 2017L’impatto del diabete in ItaliaOggi diamo i numeri sul diabete! Non per alimentare preoccupazioni, non per creare ansie ma per conoscere meglio l’entità e la crescita della malattia, per esserne più consapevoli. Posted in Italia