Le donne incinte non devono cambiare l’alimentazione

In Gran Bretagna quasi una donna su tre è sovrappeso e una su quattro è obesa; l’incidenza dell’obesità è in continuo aumento, anche fra le madri, e può avere conseguenze sui figli come, per esempio, sul loro quoziente intellettivo che può arrivare a essere inferiore di 5 punti rispetto ai figli delle donne normopeso. È necessario quindi tenere la dieta sotto controllo durante la gravidanza. Già da tempo è noto che non è necessario che le donne incinte mangino ‘per due’, come si credeva un tempo ma ora, un nuovo studio britannico rivela che non è neanche necessario modificare la propria alimentazione nel corso della gravidanza ma che è sufficiente aggiungere, solo negli ultimi tre mesi, 200 calorie al giorno, l’equivalente di un piccolo panino. La ricerca è stata pubblicata su Obesity Rewiews ed è stata ripresa dal Daily Telegraph.

 

 
Fonte 28 giugno 2011, Sanità News ISS

Potrebbero interessarti

  • 16 febbraio 2017Corso di acquaticità per le future mamme con diabeteAll’Ospedale Niguarda di Milano è possibile partecipare a un corso di acquaticità in gravidanza rivolto alle gestanti con diabete (sia gestazionale, sia pre-gestazionale, di tipo 1 o 2) che vogliono prepararsi o migliorare il lungo periodo della gravidanza, ricavandone grandi benefici per se stesse e per il futuro neonato! Posted in Diabete gestazionale
  • 19 gennaio 2017Nuova campagna di AIIPA: “Nutrizione e sicurezza specializzate”Il messaggio della nuova campagna dell’Associazione Italiana Industrie Prodotti Alimentari (AIIPA) si propone di fare chiarezza sulle caratteristiche e sulla qualità nutrizionale degli alimenti specifici per la prima infanzia, fabbricati e commercializzati nel rispetto della rigorosa normativa vigente. Posted in NEWS - 2017
  • 26 gennaio 2017Sul cargo da Rio a Dakar, destinazione: Mama AfricaIl lungo viaggio in cargo mercantile da Rio de Janeiro a Dakar mi ha regalato subito una bellissima sorpresa. Viaggiare con questa tipologia di barche significa anche trovarsi a mangiare cibo est europeo o al massimo russo, cucinato da cuochi filippini. Posted in Trip Therapy Blog Claudio Pelizzeni