Lo Yogurt contro obesità e diabete

Lo yogurt è in grado di stimolare la flora intestinale e, nel far questo, prevenire obesità e diabete. A sostenerlo, una ricerca dell’università di Turku in Finlandia diretta dal dottor Marko Kalliomaki, e presentata al Congresso della Società Italiana di Diabetologia, in corso a Rimini.
Gli studiosi hanno osservato 49 bambini, nutriti fin dall’infanzia con lo yogurt; dopo 7 anni si è cosi notato come tali bambini pesavano in media 4 chili in meno dei loro compagni ed avevano l’intestino più depurato da batteri cattivi, come lo stafilococco. Per gli scienziati, ciò è una prova della capacità dei fermenti lattici di prevenire obesità e diabete.
Ecco l’opinione di Rosalba Giacco, relatrice alla sessione del convegno su alimentazione e diabete e ricercatrice all’Istituto di Scienze dell’Alimentazione del CNR di Avellino: “Credevamo che la flora intestinale avesse effetto solo a livello locale, proteggendo il colon da tumori e malattie infiammatorie croniche: non è così. I fermenti lattici infatti producono acido acetico, propionico e butirrico: i primi due vanno nel sangue e da qui nel fegato, dove regolano la produzione epatica di glucosio e grassi come colesterolo e trigliceridi; il butirrico invece resta nell’intestino a “nutrire” le cellule dell’epitelio “.
A tal proposito, gli addetti ai lavori fanno notare come la flora intestinale degli obesi sia più ricca di batteri cattivi produttori di tossine, nemici dell’insulina e favorevoli alla creazione. Se tali soggetti perdono peso, anche la loro flora batterica migliora.
Il segreto dello yogurt è la sua capacità di ridurre l’assorbimento d’energia degli alimenti (fino al 2%), “E ciò nell’arco di anni può fare la differenza fra essere normopeso o sovrappeso”. Inoltre, i probiotici agiscono sugli ormoni intestinali, stimolando il senso di sazietà.
Gli esperti di alimentazione fanno poi notare come i fermenti lattici possono essere assunti da soli (tramite yogurt e prodotti simili), ma sono più efficaci di sostenuti con una dieta a base di fibre e verdura.
Spiega Rosalba Gracco: “Le fibre favoriscono la crescita dei batteri buoni al posto dei cattivi, che invece proliferano se si mangia molta carne o altri prodotti di origine animale. Purtroppo anche in Italia abbiamo un po’ perso le sane abitudini della dieta mediterranea e consumiamo meno fibre rispetto al passato: ora siamo più o meno allineati ai consumi europei, che variano fra i 3 e gli 11 grammi di fibre al giorno. Poche: è bene aumentare l’introito di frutta, verdura, cereali, pasta e pane integrali, oltre che di prodotti come lo yogurt che contengono fermenti lattici. Serve a prevenire l’obesità e quindi il diabete, ma anche tumori, malattie cardiovascolari e molte malattie croniche intestinali”.

 

 
Fonte: 18 ottobre 2009, newsfood.com

Potrebbero interessarti

  • 20 marzo 2017Attenti a una dieta gluten free, quando non necessario!Mangiare senza glutine sta diventando di moda anche tra chi non ne ha bisogno. Questo comportamento potrebbe risultare non salutare nel lungo periodo, in particolare per chi è a rischio o soffre già di diabete di tipo 2. Posted in A tavola con il diabete
  • 22 aprile 2017Colesterolo “cattivo” e colesterolo “buono”. Perché?Il colesterolo è un particolare grasso (o lipide) che si trova esclusivamente negli alimenti di origine animale e può essere sintetizzato anche dal nostro organismo. E’ una molecola di grande importanza e utilità biologica, componente di tutte le membrane cellulari e del rivestimento di mielina che ricopre i nervi. Posted in Grassi
  • 11 marzo 2017Impariamo a leggere le etichette alimentariLeggere le etichette può contribuire alla prevenzione delle malattie: è possibile fare scelte più sane e più corrette in termini di apporto ed equilibrio tra i nutrienti e nel lungo termine questo può fare la differenza. Posted in Comportamento a tavola