Maggiore supporto degli operatori sanitari per aiutare diabetici nell’autogestione

Nonostante sia ormai considerato la piaga che affligge la società del benessere, il diabete resta una malattia che molti pazienti non riescono a gestire autonomamente a causa dei numerosi ostacoli sociali, ambientali, psicologici ma anche economici che si presentano a chi deve affrontarla giorno dopo giorno.
Le strutture e gli operatori sanitari dovrebbero impegnarsi a migliorare i programmi finora messi a punto per il supporto ai diabetici rafforzando il supporto alle famiglie e migliorando l’efficienza e l’accessibilità ai sistemi assistenziali.
Poiché quella contro il diabete è una lotta che ciascun malato dovrà affrontare per tutto il resto della sua vita, è indispensabile uno sforzo da parte degli addetti ai lavori affinché il cambiamento nello stile di vita, necessario per convivere con il diabete, sia privo di ostacoli e il più naturale possibile: solo così i risultati potranno essere duraturi e il paziente potrà tenere sotto controllo la malattia senza sforzi eccessivi.

 

 

Fonte: Journal of Nursing and Healthcare of Chronic Illness, 2009; 1: 4-19

Potrebbero interessarti

  • 12 gennaio 2017Piemonte: la nuova Rete Territoriale Endocrino-DiabetologicaIl dottor Alessandro Ozzello, Presidente della Sezione AMD Piemonte-Valle D’Aosta e direttore del Servizio di Diabetologia Ospedale Pinerolo Asl Torino 3, commenta le trasformazioni del modello esistente, in seguito all'approvazione della Delibera della Giunta Regionale, n. 27-4072 del 17.10.2016 e illustra i cambiamenti positivi per la presa in carico di persone con diabete mellito. Posted in Regioni
  • 7 dicembre 2016Roma: metropoli scelta per il 2017 dal programma Cities Changing Diabetes®Il progetto coinvolge Istituzioni nazionali, amministrazioni locali, mondo accademico e terzo settore, con l’obiettivo di evidenziare il legame fra il diabete, in particolare diabete di tipo 2, e le grandi città e promuovere iniziative per salvaguardare la salute dei cittadini e prevenire la malattia. Posted in Mondo, Europa
  • 31 gennaio 2017Diabete: Il coinvolgimento attivo del caregiver nel processo di curaL’Associazione Diabetici della Provincia di Milano (ADPMI) sta collaborando con l’Università Cattolica del sacro Cuore di Milano, dipartimento di Psicologia, al progetto di “Validazione di uno strumento per la valutazione del coinvolgimento del caregiver/familiare nel processo di cura: la caregiver-patient health engagement scale (C-PHE)”. Posted in Aspetti psicologici