Malattie cardiovascolari: per i diabetici possibili benefici dal consumo regolare di noci

Per le persone affette da diabete di tipo 2 il consumo di noci potrebbe favorire una vasodilatazione endotelio-dipendente, migliorando di conseguenza la condizione vascolare.
Uno studio condotto presso la Yale University School of Medicine nel Connetticut, USA, ha fornito nuove conferme in tal senso: su un gruppo di 24 soggetti diabetici con età media di 58 anni, coloro ai quali è stato chiesto di aggiungere alla dieta quotidiana 56 grammi di noci (che forniscono 366 kcal) la dilatazione flusso-mediata (FMD) risultava migliorata del 2.2% rispetto a coloro che non mangiavano quotidianamente noci.
I ricercatori hanno inoltre riscontrato una diminuzione del colesterolo LDL (quello dannoso) e del colesterolo totale rispettivamente del 7.7% e del 9.7%, che però non risulta essere statisticamente significativa.
A prescindere dai limiti dello studio, i risultati ottenuti costituiscono una prova su cui basare l’ipotesi che il consumo regolare di noci migliori la funzione endoteliale nei soggetti con diabete di tipo 2 e che potrebbe perciò essere utile nel ridurre il rischio di disturbi cardiovascolari in questa popolazione.

 

 
Fonte: 5 febbraio 2010, Diabetes Care

Potrebbero interessarti

  • 20 marzo 2017Un peperoncino al giorno…benefici, quantità, usiDagli studi sperimentali di laboratorio e da quelli su volontari emergono benefici interessanti del peperoncino piccante per la prevenzione di molte patologie croniche come l'obesità, il diabete, le malattie cardiovascolari ma anche disturbi gastrointestinali, tumori, dermatopatie e vescica neurologica. Posted in A tavola con il diabete
  • 20 marzo 2017Attenti a una dieta gluten free, quando non necessario!Mangiare senza glutine sta diventando di moda anche tra chi non ne ha bisogno. Questo comportamento potrebbe risultare non salutare nel lungo periodo, in particolare per chi è a rischio o soffre già di diabete di tipo 2. Posted in A tavola con il diabete
  • 2 febbraio 2017Ho il diabete, non sono il diabeteQuanto conta il coinvolgimento attivo della persona con diabete nel suo percorso di cura? Ne abbiamo parlato con la Dott.ssa Serena Barello**, della Facoltà di Psicologia, Università Cattolica del Sacro Cuore durante un recente convegno organizzato dall’Associazione Diabetici della Provincia di Milano Onlus, presieduta dalla d.ssa Maria Luigia Mottes. Posted in Psicologia