Meno colesterolo nelle uova?

Il tester per la glicemia può essere influenzato da residui di cibo sulle mani e finora si pensava che pulirle con l’alcol potesse essere sufficiente ma recenti verifiche consigliano di lavarsele bene, le mani. Infatti, nel corso di una ricerca pubblicata sulla rivista Diabetes Care, è emerso che dopo aver sbucciato la frutta l’alcol non è in grado di eliminare i piccoli frammenti che rimangono sulle dita e che possono alterare i risultati del tester.
Come ha dichiarato Takahisa Hirose, dell’Università di Tokyo, autore dello studio insieme ad altri colleghi: «Si rischia di misurare lo zucchero che rimane sulle dita anziché quello nel sangue».
Per poter decidere la giusta quantità di insulina da far assumere, i ricercatori ad alcuni volontari con glicemia intorno ai 90 mg per decilitro hanno misurato la glicemia dopo aver sbucciato un’arancia: indicava 170 mg, dopo un kiwi 180 mg e dopo un solo acino d’uva 360mg; dopo essersi puliti le mani con l’alcol il valore era ancora più alto.
Dopo il lavaggio con acqua, invece, i valori tornavano attendibili.

 

 

Fonte 10 febbraio 2011, asca.it

Potrebbero interessarti

  • 24 marzo 2017Nepal: stupore, tante salite e poca insulinaÈ il 4 dicembre ed io e Riccardo stiamo varcando il confine nepalese dopo quasi un mese di India che ha messo a dura prova i nostri nervi. L'eccitazione è un stato che ci accompagna ad ogni frontiera, curiosi come siamo di scoprire usi, costumi e tradizioni di un nuovo popolo. Posted in For a piece of cake
  • 6 marzo 2017Diario indiano – In bicicletta col diabete di tipo 1L'arrivo a Jaipur, India, ci sconvolge immediatamente i sensi: l'udito è stordito dalla vita chiassosa della città e dai clacson perennemente in funzione nelle mani di guidatori spericolati; l'olfatto è deliziato dai profumi intensi del cibo di strada e poi mortificato dal tanfo di urina che proviene dagli orinatoi piazzati sulle pareti di vie pubbliche; il gusto è disorientato dalle […] Posted in For a piece of cake
  • 27 marzo 2017I lipidi (grassi): classi e funzioni principaliI lipidi dal punto di vista energetico rappresentano la sorgente più concentrata di energia, sono praticamente insolubili in acqua, ma solubili nei solventi organici (etere, benzina, cloroformio, ecc.). Posted in Grassi