Metformina può rallentare le placche aterosclerotiche negli uomini con prediabete

Tale evidenza è emersa in un recente studio americano pubblicato sulla prestigiosa rivista Circulation che ha indagato gli effetti del farmaco su oltre 2 mila soggetti in prediabete.

 

Diabete e rischio cardiovascolare

L’incidenza di cardiopatia coronarica aumenta di circa due volte nei soggetti con diabete di tipo 2 e la coronaropatia rimane una delle cause più importanti di morbilità e mortalità associate al diabete di tipo 2.  Tutti gli interventi tesi a contrastare i fattori che accelerano l’aterosclerosi delle coronarie (le arterie che nutrono il cuore) come dislipidemia, ipertensione arteriosa, iperglicemia hanno sicuramente contribuito negli anni recenti a una significativa riduzione dell’incidenza di malattie cardiovascolari nella popolazione. Tuttavia, un maggior rischio continua a permanere nei soggetti con diabete di tipo 2. Il maggior successo per ridurre tale rischio può essere raggiunto solo da un approccio preventivo molto precoce, già nella fase di prediabete, che può essere scoperto con un semplice esame del sangue.

Diversi studi condotti in soggetti con diabete e prediabete hanno suggerito che il trattamento con la metformina sia associato a una riduzione dell’incidenza di eventi cardiovascolari.

 

Il Diabetes Prevention Program Americano (DPP)

Il Diabetes Prevention Program (DPP) e il suo primo Outcome Study (DPPOS) rappresenta uno dei pochi studi clinici condotti per testare gli effetti di interventi terapeutici su soggetti in prediabete osservando i risultati nel lungo periodo.

I risultati del DPPOS, prima indagine che aveva coinvolto oltre 3.200 persone con prediabete, avevano evidenziato come l’adozione di corretti stili di vita e l’assunzione regolare di metformina avessero permesso di ridurre il rischio di sviluppare il diabete e di ridurre il rischio cardiovascolare dei soggetti osservati.

 

 

La nuova analisi

Secondo una nuova analisi dei dati del Diabetes Prevention Program e dell’ Outcome Study (DPPOS), il trattamento con metformina sembra rallentare la crescita delle calcificazioni aorto-coronariche (CAC) negli uomini. La misurazione delle CAC riflette il totale carico aterosclerotico a livello delle arterie coronarie (le arterie che nutrono il cuore) e fornisce uno strumento efficace e non invasivo per predire gli eventi cardiovascolari in coorti di pazienti con e senza diabete di tipo 2 e senza cardiopatie note.
Nel nuovo studio, Ronald Goldberg e il suo team dell’Università di Miami, Miller School of Medicine hanno esaminato i dati di 2.029 dei partecipanti al DPPOS, che corrispondono ai pazienti che avevano effettuato le misure delle CAC, con una media di 14 anni di osservazione (follow-up).

 

I risultati
Al follow-up, i ricercatori hanno osservato che la gravità delle calcificazioni aorto-coronariche (CAC) era minore nel gruppo di pazienti trattati con metformina. Tuttavia, tali variazioni sono state registrate solo tra i pazienti di sesso maschile, mentre non è stato osservato nessun effetto nelle donne. “Questi risultati – ha osservato Ronald Goldberg, primo autore dello studio –  forniscono la prima prova che la metformina può proteggere contro l’aterosclerosi coronarica negli uomini con prediabete, anche se è necessaria una dimostrazione che la metformina riduce anche gli eventi cardiovascolari in questi soggetti prima di poter formulare qualsiasi ipotesi terapeutica”.
Il meccanismo di contrasto
Al momento non è stato ancora possibile identificare con certezza con quale meccanismo la metformina contribuisca a ridurre le calcificazioni aorto-coronariche (CAC): si pensa che possa migliorare la funzionalità del rivestimento dei vasi (endotelio) e il profilo lipidico dei pazienti, nonché ridurre l’infiammazione. Oltre ai differenti effetti sulle calcificazioni CAC osservati negli uomini e nelle donne, la metformina si è rivelata particolarmente efficace anche nel prevenire la sindrome metabolica negli uomini, ma non nelle donne. “Questo risultato fa supporre che vi siano eventuali interazioni ormonali. Per esempio è stato dimostrato che la metformina riduce i livelli di testosterone negli uomini, ma non nelle donne “, hanno aggiunto gli autori in conclusione.
 

Fonte

Ronald B. Goldberg et al – Effect of Long-term Metformin and Lifestyle in the Diabetes Prevention Program and its Outcome Study on Coronary Artery CalciumCirculation 2017 May 5. pii: CIRCULATIONAHA.116.025483

 

 

 

Potrebbero interessarti

  • 11 dicembre 2017Diabete tipo 2: il rischio cardiovascolare viene sottovalutatoLe persone con diabete di tipo 2 (DT2) non sono consapevoli del rischio cardiovascolare correlato alla malattia. È uno dei risultati preliminari dell’indagine “Taking Diabetes to Heart” presentati all’ultimo congresso dell’International Diabetes Federation (IDF) 2017. Posted in Pressione - Ipertensione arteriosa
  • 11 ottobre 2017Salute: al Forum della Leopolda si è sfidato il futuroA Firenze, il 29-30 settembre 2017, oltre 2.000 visitatori e 600 relatori in rappresentanza del settore sanitario, Istituzioni pubbliche, Associazioni di pazienti e Società Scientifiche, economisti e futuristi hanno animato la Stazione Leopolda, in occasione della seconda edizione del “Forum della sostenibilità e opportunità nel settore della salute”. Posted in EVENTI - 2017
  • 27 settembre 2017L’obesità si associa a un elevato rischio di sviluppare diabete di tipo 2Tale rischio è stato ampiamente sottolineato al Congresso della Società Italiana dell’Obesità (SIO) che si è svolto a Milano il 15-16 settembre 2017 dove un’intera sessione è stata dedicata alla diabesità ovvero la frequente associazione tra obesità e diabete di tipo 2 (DT2). Ma quali sono i pazienti con un più alto rischio di DT2? Posted in Fattori di rischio