Microaneurismi della retina predicono andamento della retinopatia in soggetti diabetici

I ricercatori della University of Southern Denmark di Odense affermano che un elevato numero di microaneurismi a livello della retina sia associato con una prognosi peggiore della retinopatia e a una minor probabilità che questa regredisca in soggetti affetti da diabete di tipo 1 e 2.
Gli esperti sono giunti a questa conclusione in seguito a uno studio che ha visto coinvolte 1419 persone, di cui 893 diabetici di tipo 1 con età media pari a 31,2 anni e 526 diabetici di tipo 2 con 56,2 anni di età media. Tutti i soggetti erano affetti da microaneurismi e sono stati seguiti per un periodo di 4 anni e mezzo.
Prima che iniziasse lo studio per ogni soggetto sono stati contati e sommati i microaneurismi per entrambi gli occhi, i ricercatori hanno in seguito fotografato annualmente per ogni soggetto 7 zone della retina e la progressione o la regressione della retinopatia veniva misurata in base alla scala ETDRS (Early Treatment Diabetic Retinopathy Study).
Al termine del periodo di osservazione è emerso che i soggetti che presentavano un maggior numero di microaneurismi all’inizio dello studio avevano il 21% in meno di probabilità di veder regredire la retinopatia, mentre il rischio di un peggioramento aumentava del 7% per i diabetici di tipo 2 e dell’8% per i diabetici di tipo 1.

 

 

 
Fonte: European Association for the Study of Diabetes 45th Annual Meeting; Vienna, Austria: 29 September – 2 October, 2009

Potrebbero interessarti

  • 10 agosto 2017La sfida del “diabete urbano”Nel 1950 un abitante del pianeta su 3, pari a 749 milioni di persone, viveva in città; oggi è 1 su 2, cioè 3,9 miliardi; entro il 2050 saranno 2 su 3, per 6,4 miliardi. Contemporaneamente cresce il numero di persone con diabete, passate dai 285 milioni del 2010 ai 415 milioni di oggi. Posted in Italia
  • 11 agosto 2017L’impatto del diabete in ItaliaOggi diamo i numeri sul diabete! Non per alimentare preoccupazioni, non per creare ansie ma per conoscere meglio l’entità e la crescita della malattia, per esserne più consapevoli. Posted in Italia
  • 12 agosto 2017Pomodoro, il re dell’estate è ricco di licopeneIl pomodoro è, insieme alla melanzana e al peperone, uno degli ortaggi protagonisti dell’estate e della cucina italiana e più in generale mediterranea. Nonostante oggi lo si trovi presente sui banchi dell’ortofrutta tutto l’anno, il pomodoro dà il meglio di sé in estate, quando matura…. secondo natura. Posted in Fibre, frutta e verdura