Microaneurismi della retina predicono andamento della retinopatia in soggetti diabetici

I ricercatori della University of Southern Denmark di Odense affermano che un elevato numero di microaneurismi a livello della retina sia associato con una prognosi peggiore della retinopatia e a una minor probabilità che questa regredisca in soggetti affetti da diabete di tipo 1 e 2.
Gli esperti sono giunti a questa conclusione in seguito a uno studio che ha visto coinvolte 1419 persone, di cui 893 diabetici di tipo 1 con età media pari a 31,2 anni e 526 diabetici di tipo 2 con 56,2 anni di età media. Tutti i soggetti erano affetti da microaneurismi e sono stati seguiti per un periodo di 4 anni e mezzo.
Prima che iniziasse lo studio per ogni soggetto sono stati contati e sommati i microaneurismi per entrambi gli occhi, i ricercatori hanno in seguito fotografato annualmente per ogni soggetto 7 zone della retina e la progressione o la regressione della retinopatia veniva misurata in base alla scala ETDRS (Early Treatment Diabetic Retinopathy Study).
Al termine del periodo di osservazione è emerso che i soggetti che presentavano un maggior numero di microaneurismi all’inizio dello studio avevano il 21% in meno di probabilità di veder regredire la retinopatia, mentre il rischio di un peggioramento aumentava del 7% per i diabetici di tipo 2 e dell’8% per i diabetici di tipo 1.

 

 

 
Fonte: European Association for the Study of Diabetes 45th Annual Meeting; Vienna, Austria: 29 September – 2 October, 2009

Potrebbero interessarti

  • 10 agosto 2017La sfida del “diabete urbano”Nel 1950 un abitante del pianeta su 3, pari a 749 milioni di persone, viveva in città; oggi è 1 su 2, cioè 3,9 miliardi; entro il 2050 saranno 2 su 3, per 6,4 miliardi. Contemporaneamente cresce il numero di persone con diabete, passate dai 285 milioni del 2010 ai 415 milioni di oggi. Posted in Italia
  • 11 agosto 2017L’impatto del diabete in ItaliaOggi diamo i numeri sul diabete! Non per alimentare preoccupazioni, non per creare ansie ma per conoscere meglio l’entità e la crescita della malattia, per esserne più consapevoli. Posted in Italia
  • 27 giugno 2017Lo studio REMOVALIl trattamento a lungo termine con metformina potrebbe ridurre il rischio cardiovascolare negli adulti con diabete tipo 1: questi i risultati dello studio REMOVAL (REducing with MetfOrmin Vascular Adverse Lesions) presentati alle 77° Sessioni scientifiche dell’American Diabetes Association (ADA 2017).   Posted in Metformina e ipoglicemizzanti orali