Moderate quantità di alcol riducono il rischio diabete

Consumare moderate quantità di alcol può aiutare a prevenire il diabete, ma è sufficiente superare le dosi di 60 grammi al giorno per gli uomini e 50 grammi al giorno per le donne per veder svanire questi effetti benefici aumentando anzi il rischio di sviluppare la malattia.
A queste conclusioni sono giunti i ricercatori della University of Toronto, in Canada, dopo aver condotto una meta-analisi su 20 studi effettuati coinvolgendo 477,200 individui, 12,556 dei quali hanno sviluppato il diabete. Dalla ricerca è emerso che gli uomini che consumavano 22 grammi al giorno di alcol e le donne che consumavano quotidianamente 24 grammi di alcol avevano rispettivamente una riduzione del rischio diabete del 13% e del 40% rispetto a soggetti totalmente astemi o con consumi superiori di alcol.
I ricercatori hanno però avvertito che dovranno essere condotti ulteriori studi per arrivare a comprendere il meccanismo di protezione dal diabete offerto da un moderato consumo di alcol.

 

 
Fonte: Diabetes Care, 30 ottobre 2009; 32: 2123-2132

Potrebbero interessarti

  • 20 dicembre 2016C’è aria di grandi novità in Agd Novara: “Lo studio di Camillo Ricordi”Se ne sono accorti i numerosi genitori di bambini e ragazzi con diabete di tipo 1, riuniti sabato 17 dicembre 2016, a Novara, nell’Aula Magna dell’Ospedale Maggiore per un convegno di aggiornamento sulle attività 2016/2017. Posted in Fabio Braga
  • 27 dicembre 2016L’ultimo saluto al BrasileDalla foresta amazzonica fino alle coste Nord del Brasile, era iniziato il vero e proprio viaggio all’interno di questo meraviglioso stato sudamericano. Ho navigato per cinque giorni il rio delle Amazzoni e non è stato semplice gestire il diabete di tipo 1, mio fedele compagno in questo viaggio. Posted in Trip Therapy Blog Claudio Pelizzeni
  • 19 novembre 2016Cura Diabete: quali sono le prestazioni sanitarie più efficaci?L’Associazione Medici Diabetologi (AMD) ha misurato con un approccio scientifico le prestazioni diabetologiche che funzionano di più, ovvero quelle che garantiscono un miglior controllo dei rischi clinici da un lato e maggiore efficienza per il Servizio Sanitario Nazionale, dall’altro. Posted in Italia