Monitoraggio continuo della glicemia

  • Grazie al continuo progresso e perfezionamento della tecnologia in questo campo, sono oggi disponibili dei sistemi integrati che abbinano a un microinfusore un sensore del glucosio che controlla costantemente le variazioni dello zucchero a livello sottocutaneo (CGM o Monitoraggio Continuo della Glicemia) ed è in grado di avvertire con un allarme in caso di ipoglicemia o di iperglicemia e anche di sospendere l’erogazione di insulina in caso di glicemia troppo bassa.
  • Alcuni studi recenti hanno documentato che il monitoraggio continuo della glicemia, sia in adulti che bambini con diabete di tipo 1 determina numerosi benefici, tra cui la riduzione della emoglobina glicosilata (HbA1c) rispetto al tradizionale controllo con il glucometro.

 

Che cos’è e come funziona il sensore del glucosio?

 

  • Si tratta di un elettrodo montato su di una cannula flessibile che il diabetico stesso posiziona nel tessuto sottocutaneo dell’addome in modo praticamente indolore, vicino a dove viene posizionato il microinfusore (la casa di produzione fornisce anche un apposito dispositivo di inserimento per ottimizzare l’operazione).
  • Il sensore del glucosio, a differenza del glucometro, non misura il livello dello zucchero nel sangue capillare ma nel fluido interstiziale (ritenuta oggi una misurazione migliore e più attendibile) ovvero nel liquido che si trova tra una cellula e l’altra dell’organismo e che contiene ossigeno e varie sostanze nutritive indispensabili per le cellule, tra cui il glucosio. Il sensore è in grado di convertire i valori di glucosio misurati in un segnale elettrico.
  • Il sensore può essere utilizzato fino ad un massimo di 3 giorni poi va sostituito dalla persona stessa che lo indossa.
  • I valori della glicemia rilevati vengono trasmessi al microinfusore di insulina dove i dati sono visualizzati a brevissimi intervalli (5 min).
  • Il sensore del glucosio fornisce una lettura continua dei dati e nel caso dei sistemi più avanzati è in grado anche attraverso allarmi sonori e visivi di allertare chi lo indossa  consentendogli di evitare o ridurre le oscillazioni glicemiche

 

Quali sono i vantaggi del monitoraggio continuo della glicemia (CGM)?

 

  • Il monitoraggio continuo della glicemia consente di avere un quadro globale dei livelli di glicemia e soprattutto permette di evitare eccessive escursioni della glicemia, mantenendo sotto controllo i valori glicemici nell’arco delle ventiquattr’ore e per più giorni, in modo da poter ottimizzare la terapia.
  • Nei modelli più recenti si aggiunge il vantaggio che l’erogazione di insulina viene sospesa automaticamente se i livelli di glicemia si abbassano in modo eccessivo, al di sotto della norma. Questa funzione di vigilanza è particolarmente utile durante la notte per evitare crisi ipoglicemiche soprattutto nei bambini, nei soggetti con diabete instabile e in tutti i casi in cui non si riesca a riconoscere facilmente l’arrivo di una crisi ipoglicemica.
  • Nei sistemi più avanzati , grazie alla presenza di specifici software, è possibile anche visualizzare report, tabelle e diagrammi dopo avere scaricato i dati su un pc.

 

Con il microinfusore abbinato al sensore del glucosio cambia il ruolo dell’autocontrollo della glicemia?

Nella maggior parte degli infusori oggi utilizzati non c’è il sensore glicemico, quindi il regolare autocontrollo tramite glucometro rimane fondamentale per utilizzare bene il microinfusore. Guardando al futuro, sicuramente il nuovo obiettivo è quello della doppia funzione, perché avere a disposizione i valori glicemici in tempo reale consente di correggere la terapia in tempo reale.
Tuttavia, bisogna considerare che il sensore del glucosio non si usa costantemente, lo si inserisce in situazioni particolari (per esempio, quando si affronta un viaggio, con il cambio di fuso orario, oppure in caso di interventi chirurgici, per controlli ciclici, in periodi di instabilità glicemica). Per il momento non si usa 365 giorni all’anno, ma magari alcuni giorni al mese, negli altri giorni si adopera solo il microinfusore che implica, quindi, il regolare autocontrollo della glicemia tramite glucometro.

 

Potrebbero interessarti

  • 27 settembre 2017Diabete tipo 1: La ricerca va incontro ai bisogni dei ragazziMigliorare la qualità di vita delle persone con diabete di tipo 1 oggi si può: il futuro è sempre più vicino. Un board di diabetologi pediatri ha presentato un nuovo documento per raccomandare l’utilizzo del sensore per il monitoraggio della glicemia il 100% del tempo negli adolescenti con diabete di tipo 1. Posted in Nuove tecnologie
  • 27 settembre 2017L’obesità si associa a un elevato rischio di sviluppare diabete di tipo 2Tale rischio è stato ampiamente sottolineato al Congresso della Società Italiana dell’Obesità (SIO) che si è svolto a Milano il 15-16 settembre 2017 dove un’intera sessione è stata dedicata alla diabesità ovvero la frequente associazione tra obesità e diabete di tipo 2 (DT2). Ma quali sono i pazienti con un più alto rischio di DT2? Posted in Fattori di rischio
  • 25 settembre 2017Diabete tipo 1: la ricerca scientifica di Novara passa dal DRI di MiamiFirmato un importante accordo di collaborazione tra la Diabetologia dell’ Ospedale Maggiore della Carità di Novara e il Diabetes Research Institute (DRI), centro di eccellenza di Miami diretto dal professor Camillo Ricordi, che ha costruito e realizzato la tecnica e le strutture per il trapianto di insule pancreatiche nell'adulto con diabete. Posted in Fabio Braga