Nasce “L’Angolo del Diabetico”, il primo corner dedicato in farmacia

Per la prima volta in Europa, in 200 farmacie (il numero è in crescita) che hanno aderito al progetto su tutto il territorio italiano, il diabetico troverà un minireparto che raccoglie soluzioni studiate ad hoc per migliorare la qualità di vita delle persone con diabete e potrà ricevere dallo stesso farmacista supporto e consigli mirati.

Chi è diabetico si reca almeno una volta al mese in farmacia e questa occasione non dovrebbe limitarsi al semplice ritiro di una prescrizione medica ma dovrebbe estendersi ad un servizio più completo, utile per migliorare ulteriormente la convivenza quotidiana con il diabete. Da oggi il diabetico ha un nuovo alleato per la gestione della malattia: il farmacista.

Nelle farmacie aderenti all’iniziativa “Angolo del Diabetico” periodicamente, si svolgeranno anche delle giornate di informazione dedicate ai diabetici e/o ai loro familiari incentrate sulla prevenzione e la gestione delle complicanze; momenti di informazione ma anche di condivisione di problematiche con persone che vivono ogni giorno le stesse situazioni.

Vai alla mappa delle farmacie aderenti al progetto »

Potrebbero interessarti

  • 11 agosto 2017Incidenza di diabete e comorbiditàIl rischio di complicanze del diabete è direttamente correlato al buon controllo del diabete stesso. Numerosi studi hanno documentato che migliore è il compenso metabolico del glucosio nel sangue (glicemia) e minore è il rischio di complicanze future. Posted in Italia
  • 1 giugno 2017Roma: avviato il programma Cities Changing Diabetes®Come preannunciato nel dicembre 2016, Roma è stata scelta come metropoli del 2017 dal progetto internazionale Cities Changing Diabetes, volto a studiare il legame fra il diabete e la città e a promuovere iniziative per salvaguardare la salute e prevenire la malattia nella città capitolina. Posted in Mondo, Europa
  • 11 agosto 2017L’impatto del diabete in ItaliaOggi diamo i numeri sul diabete! Non per alimentare preoccupazioni, non per creare ansie ma per conoscere meglio l’entità e la crescita della malattia, per esserne più consapevoli. Posted in Italia