Per gli ex fumatori è alto il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2

Secondo i risultati di un recente studio inglese sembra che abbandonare il vizio del fumo possa aumentare il rischio di ammalarsi di diabete di tipo 2.
Un rischio che i ricercatori dell’Istituto John Hopkins sono anche riusciti a quantificare: dalla ricerca è emerso infatti che per coloro che smettono di fumare il rischio di diventare diabetici nei primi sei anni di astinenza è del 70% in più rispetto a chi continua a fumare e a chi non ha mai cominciato.
La motivazione dei ricercatori è che, per sopperire alla mancanza delle sigarette, gli ex fumatori trovano solitamente un sostituto nel cibo, in particolar modo nei dolci, incrementando così sia la tendenza a prendere peso che il pericolo di sviluppare il diabete di tipo 2.
Il consiglio dei ricercatori naturalmente non è quello di continuare a fumare (anche perché i fumatori hanno comunque un rischio di sviluppare il diabete più alto del 30% rispetto ai non fumatori), tuttavia sottolineano l’importanza di tenere sotto controllo l’alimentazione e l’eventuale aumento di peso.
Un controllo che va mantenuto soprattutto durante i primi tre anni di astinenza dal vizio, quando in media si ingrassa di 3.8 chili e il rischio diabete è più elevato. Superati i dieci anni senza fumo la probabilità di sviluppare il diabete tornano invece nella norma.

 

 
Fonte: 5 gennaio 2010, agi.it

Potrebbero interessarti

  • 27 aprile 2017Il Diabete giovanile: se ne parlerà il 6 maggio a NovaraObiettivo dell’incontro del 6 maggio è quello di far conoscere, condividere esperienze e saperne di più sul ‘mondo del diabete giovanile’, un tema che interessa sempre più famiglie italiane e che è particolarmente critico sia per il periodo delicato di crescita dell’adolescenza sia per lo stile di vita troppo spesso non adeguato. Posted in Fabio Braga
  • 31 maggio 2017I rischi del fumoIl fumo è considerato il principale fattore di rischio per le patologie respiratorie, malattie cardiovascolari, tumori al polmone, al cavo orale, laringe e diversi tipi di neoplasie. Il fumo, attivo o passivo, produce nell’organismo diversi effetti dannosi, tra cui un maggior rischio di diabete di tipo 2. Posted in Fumo
  • 31 maggio 201731 maggio 2017: Giornata Mondiale senza Tabacco, i milanesi e il fumoÈ in crescita il numero di milanesi che dichiara di non avere intenzione di smettere di fumare. È questo uno dei dati che emerge dall’indagine che la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori - LILT di Milano ha commissionato alla Doxa in occasione della Giornata Mondiale senza Tabacco, che si celebra ogni 31 maggio. Posted in Fumo