Perché il dosaggio dell’HbA1c è considerato oggi un test così rilevante?

Alcuni studi prestigiosi molto recenti, ma anche la pratica clinica quotidiana nei Centri di diabetologia ne hanno ampiamente convalidato l’importanza, confermando l’esistenza di una correlazione precisa e stabile tra la glicemia e la percentuale di emoglobina glicata.

Le indagini più recenti hanno documentato che una riduzione dei valori dell’HbA1c può ritardare o prevenire in modo evidente lo sviluppo di complicanze future nelle persone diabetiche. Più bassi si mantengono i valori dell’HbA1c, migliore è la salute del diabetico.

 

Mantenere bassi i livelli di HbA1c significa ridurre il rischio di:
  • complicanze ai piedi, per esempio ulcere
  • malattie cardiovascolari
  • disturbi alla vista
  • problemi renali
  • complicazioni neurologiche
  • infezioni
  • impotenza

 

 

Potrebbero interessarti

  • 13 luglio 2017Diabete di tipo 1: quali sono i fattori predittivi di insufficienza renale cronica?Pubblicata su Scientific Reports, 12 giugno 2017, una nuova ricerca dell’Associazione Medici Diabetologi (AMD) che ha coinvolto oltre 2.600 pazienti con diabete di tipo 1 (DT1) seguiti dai Centri di Diabetologia di tutta Italia. Posted in Nefropatia
  • 10 luglio 2017Peptide C: che cos’è e che cosa misuraIl C-peptide viene considerato un indicatore di secrezione di insulina endogena da parte delle cellule beta del pancreas. I livelli di C-peptide si correlano sia al tipo di diabete che alla durata della malattia. Posted in Capire gli esami
  • 27 giugno 2017Lo studio REMOVALIl trattamento a lungo termine con metformina potrebbe ridurre il rischio cardiovascolare negli adulti con diabete tipo 1: questi i risultati dello studio REMOVAL (REducing with MetfOrmin Vascular Adverse Lesions) presentati alle 77° Sessioni scientifiche dell’American Diabetes Association (ADA 2017).   Posted in Metformina e ipoglicemizzanti orali