Perché il dosaggio dell’HbA1c è considerato oggi un test così rilevante?

Alcuni studi prestigiosi molto recenti, ma anche la pratica clinica quotidiana nei Centri di diabetologia ne hanno ampiamente convalidato l’importanza, confermando l’esistenza di una correlazione precisa e stabile tra la glicemia e la percentuale di emoglobina glicata.

Le indagini più recenti hanno documentato che una riduzione dei valori dell’HbA1c può ritardare o prevenire in modo evidente lo sviluppo di complicanze future nelle persone diabetiche. Più bassi si mantengono i valori dell’HbA1c, migliore è la salute del diabetico.

 

Mantenere bassi i livelli di HbA1c significa ridurre il rischio di:
  • complicanze ai piedi, per esempio ulcere
  • malattie cardiovascolari
  • disturbi alla vista
  • problemi renali
  • complicazioni neurologiche
  • infezioni
  • impotenza

 

 

Potrebbero interessarti

  • 19 settembre 2017DT2, Studio DEVOTE: meno ipoglicemie gravi, più basso rischio di mortalitàI nuovi risultati dello studio DEVOTE, primo studio sugli esiti cardiovascolari che confronta le due insuline basali degludec e glargine, in pazienti con diabete di tipo 2, sono stati presentati al recente 53° Congresso dell’#EASD2017 (European Association for the Study of Diabetes) di Lisbona e pubblicati in contemporanea sulla prestigiosa rivista scientifica Diabetologia. Posted in Metformina e ipoglicemizzanti orali
  • 27 settembre 2017L’obesità si associa a un elevato rischio di sviluppare diabete di tipo 2Tale rischio è stato ampiamente sottolineato al Congresso della Società Italiana dell’Obesità (SIO) che si è svolto a Milano il 15-16 settembre 2017 dove un’intera sessione è stata dedicata alla diabesità ovvero la frequente associazione tra obesità e diabete di tipo 2 (DT2). Ma quali sono i pazienti con un più alto rischio di DT2? Posted in Fattori di rischio
  • 6 dicembre 2017Torino: nuova tappa del Cities Changing Diabetes® ProgramNella Città metropolitana, capoluogo della Regione Piemonte, risiedono quasi 121 mila persone con diabete, il 5,3 per cento della popolazione censita, un record negativo per il Nord Italia; dagli esperti un invito alle amministrazioni cittadine a farsi carico della promozione della salute e della prevenzione delle malattie croniche non trasmissibili come diabete tipo 2 e obesità. Posted in Mondo, Europa