Perché il movimento fa bene

Perché il movimento fa bene

L’attività fisica per un diabetico è parte integrante della cura, insieme alla dieta bilanciata, ancor prima dei farmaci e può aiutare non solo a prevenire la malattia ma a migliorarne il controllo.

 

I molti vantaggi di una vita attiva

 

  • Mantiene in forma
  • Facilita la perdita di peso in eccesso
  • Facilita la socialità e il buon umore
  • Facilita il controllo della glicemia (riduce il fabbisogno di insulina)
  • Innalza il livello del colesterolo “buono” (colesterolo HDL) e riduce i valori di quello cattivo (colesterolo-LDL) e dei trigliceridi nocivi
  • Riduce la necessità di farmaci per la cura del diabete
  • Contribuisce a ridurre il rischio di complicanze legate al diabete in particolare di malattie cardiovascolari e di eventi cerebro-vascolari
  • Migliora l’efficienza dell’apparato circolatorio, rinforza il cuore
  • Aiuta a ridurre la pressione arteriosa
  • Aiuta a ridurre lo stress (è stato infatti dimostrato da innumerevoli ricerche che subito dopo l’attività fisica la percezione di stanchezza dovuta allo sforzo dura poco, lasciando spazio alla sensazione di una rinnovata e forte energia vitale)
  • Rinforza i muscoli, aiuta a combattere l’osteoporosi, riduce il rischio di fratture alle ossa, migliora l’equilibrio e favorisce il controllo dei movimenti del corpo

 

Fare attività fisica non è un meccanismo veloce e automatico come assumere una compressa; è una pratica che richiede motivazione e partecipazione attiva dal parte del soggetto che si impegna per evitare il soprappeso, per smettere di fumare e per controllare il colesterolo.
Nei soggetti che svolgono regolarmente un’attività fisica gratificante si registra un notevole miglioramento di tutte le funzioni, contrariamente a quanto accade a chi è sedentario.

Potrebbero interessarti

  • 3 maggio 2017MicroalbuminuriaLa presenza di piccole quantità di albumina nelle urine (microalbuminuria) può comparire negli stadi molto precoci della nefropatia diabetica e può fungere da campanello d’allarme per questa temibile complicanza. Posted in Capire gli esami
  • 22 aprile 2017Che cosa succede quando il colesterolo in circolo è troppo altoIl rischio è che si inneschi il processo dell’aterosclerosi, che progredisce in modo silente fino alla completa ostruzione dei vasi o alla formazione di trombi che ostruiscono il flusso del sangue e che aumentano notevolmente il rischio di malattie cardiovascolari, danni renali e ictus cerebrale. Posted in Grassi
  • 31 marzo 2017Promuovere il Patient Engagement nella gestione della cronicità: raccomandazioni per la praticaMercoledì 5 aprile 2017, all’Università Cattolica in largo Gemelli, Milano ricercatori, rappresentanti del mondo clinico, delle associazioni di pazienti e di volontariato e della politica si confronteranno nella Prima Conferenza di Consenso Italiana sul Patient Engagement (CCIPE) in ambito clinico-assistenziale per le malattie croniche, tra cui il diabete. Posted in Linee guida