Perché il movimento fa bene

Perché il movimento fa bene

L’attività fisica per un diabetico è parte integrante della cura, insieme alla dieta bilanciata, ancor prima dei farmaci e può aiutare non solo a prevenire la malattia ma a migliorarne il controllo.

 

I molti vantaggi di una vita attiva

 

  • Mantiene in forma
  • Facilita la perdita di peso in eccesso
  • Facilita la socialità e il buon umore
  • Facilita il controllo della glicemia (riduce il fabbisogno di insulina)
  • Innalza il livello del colesterolo “buono” (colesterolo HDL) e riduce i valori di quello cattivo (colesterolo-LDL) e dei trigliceridi nocivi
  • Riduce la necessità di farmaci per la cura del diabete
  • Contribuisce a ridurre il rischio di complicanze legate al diabete in particolare di malattie cardiovascolari e di eventi cerebro-vascolari
  • Migliora l’efficienza dell’apparato circolatorio, rinforza il cuore
  • Aiuta a ridurre la pressione arteriosa
  • Aiuta a ridurre lo stress (è stato infatti dimostrato da innumerevoli ricerche che subito dopo l’attività fisica la percezione di stanchezza dovuta allo sforzo dura poco, lasciando spazio alla sensazione di una rinnovata e forte energia vitale)
  • Rinforza i muscoli, aiuta a combattere l’osteoporosi, riduce il rischio di fratture alle ossa, migliora l’equilibrio e favorisce il controllo dei movimenti del corpo

 

Fare attività fisica non è un meccanismo veloce e automatico come assumere una compressa; è una pratica che richiede motivazione e partecipazione attiva dal parte del soggetto che si impegna per evitare il soprappeso, per smettere di fumare e per controllare il colesterolo.
Nei soggetti che svolgono regolarmente un’attività fisica gratificante si registra un notevole miglioramento di tutte le funzioni, contrariamente a quanto accade a chi è sedentario.

Potrebbero interessarti

  • 27 settembre 2017L’obesità si associa a un elevato rischio di sviluppare diabete di tipo 2Tale rischio è stato ampiamente sottolineato al Congresso della Società Italiana dell’Obesità (SIO) che si è svolto a Milano il 15-16 settembre 2017 dove un’intera sessione è stata dedicata alla diabesità ovvero la frequente associazione tra obesità e diabete di tipo 2 (DT2). Ma quali sono i pazienti con un più alto rischio di DT2? Posted in Fattori di rischio
  • 15 novembre 2017Daniela Cardillo a “Donne e Diabete”, Convegno ad ArezzoIn occasione della Giornata Mondiale del Diabete 2017 (#WDD17), dedicata al diabete al femminile, il 14 novembre, all’Auditorium di Arezzo è stato organizzato dall'Associazione Diabetici Aretini ADA, un evento d’informazione dall’Ospedale San Donato di Arezzo. Posted in Greendogs
  • 11 ottobre 2017Carenza di vitamina D: sorvegliata speciale per osteoporosi, artrosi e sarcopeniaDal 5 al 7 ottobre 2017, si è tenuto a Napoli il VI Congresso di ASON, l’Associazione rappresentativa di specialisti ortopedici, fisiatri e reumatologi operanti sul territorio. Quest’anno, focus sulla mancanza ormai epidemica di vitamina D che, oltre alle patologie osteoarticolari, si associa sempre più spesso anche a diabete di tipo 2, sclerosi multipla e demenza senile. Posted in Diabete e osteoporosi