Poche proteine in gravidanza aumentano il rischio di diabete nei figli

Secondo una ricerca dell’Università di Cambridge ci sarebbe una relazione fra l’alimentazione delle donne in gravidanza e il rischio futuro di diabete per i figli. La causa della comparsa del diabete sarebbe nella sensibilità del gene HNF4A alla dieta della madre e potrebbe essere ereditaria. La ricerca è stata condotta su animali ma gli scienziati inglesi ritengono che i risultati siano applicabili anche all’uomo; le femmine di topi sono state nutrite durante la gravidanza con una dieta povera di proteine, solo l’8% contro il consueto 20%: fra i loro figli il tasso di incidenza del diabete è in seguito risultato più alto. Susan Ozanne del Cambridge Institute of Metabolic Sciente, che ha coordinato la ricerca, spiega: «Finalmente stiamo cominciando a capire come la nutrizione nel grembo materno influenzi le cellule del nostro organismo e dia l’impostazione alla nostra salute futura. È importante che la dieta durante la gravidanza sia sana ed equilibrata perché il suo impatto sarà determinante per il nascituro e potenzialmente lo sarà anche per i suoi nipoti».

 

 

Fonte 9 marzo 2011, lastampa.it

Potrebbero interessarti

  • 19 gennaio 2017Nuova campagna di AIIPA: “Nutrizione e sicurezza specializzate”Il messaggio della nuova campagna dell’Associazione Italiana Industrie Prodotti Alimentari (AIIPA) si propone di fare chiarezza sulle caratteristiche e sulla qualità nutrizionale degli alimenti specifici per la prima infanzia, fabbricati e commercializzati nel rispetto della rigorosa normativa vigente. Posted in NEWS - 2016
  • 13 novembre 201614 novembre: “Stati Generali sul diabete 2016”In coincidenza con la Giornata Mondiale del Diabete, si svolgerà a Roma, lunedì 14 novembre, a partire dalle ore 16:15, presso l’Auditorium “Cosimo Piccinno” del Ministero della Salute (Lungotevere Ripa 1), l’evento istituzionale “Stati generali sul diabete 2016”. Posted in EVENTI - 2016
  • 30 novembre 2016L’AmazzoniaLa foresta amazzonica è sempre stato un luogo che sognavo di poter visitare almeno una volta nella vita. Durante la pianificazione del mio viaggio intorno al mondo senza aerei avevo piazzato la cosiddetta "bandierina", proprio lì, nel centro del Brasile. Dal punto di vista del diabete, tuttavia, sembrava poter creare non pochi problemi. Posted in Trip Therapy Blog Claudio Pelizzeni