Possono insorgere complicanze?

Il diabete, se non viene tenuto costantemente sotto controllo in modo ottimale, può provocare nel tempo, complicanze croniche anche gravi agli occhi, ai reni, al sistema nervoso centrale e periferico e al sistema cardiovascolare.

Il miglioramento nel controllo della glicemia riduce il rischio di insorgenza soprattutto delle complicanze microvascolari (renali ed oculari), della neuropatia periferica (nervi periferici) e, in minor misura, di quelle macrovascolari (infarto, ictus ed arteropatia obliterante degli arti inferiori), che risentono anche di altri fattori, quali pressione arteriosa, colesterolemia etc.

imagemap01

Nelle complicanze a lungo termine giocano un ruolo sia fattori genetici predisponenti, sia fattori ambientali. Tra questi ultimi il fumo, oltre all’ipertensione e al sovrappeso/obesità.

La causa dello sviluppo di complicanze sembra risiedere principalmente nel protrarsi della condizione di iperglicemia che nel tempo altera le strutture tissutali.

Ictus cerebrale

Il diabete mal controllato aumenta il rischio di sviluppare indurimento e restringimento dei vasi sanguigni più grandi o delle arterie con conseguente rischio a livello cerebrale di sviluppare un’ischemia cerebrale fino all’ictus.

Nefropatie

Il diabete può danneggiare i filtri renali, a causa dell’accumulo di glucosio nei piccoli vasi sanguigni che li irrorano. I soggetti con compromissione renale hanno un accumulo di proteine nelle urine in particolare di albumina. Il medico curante sottopone a controlli più attenti i soggetti con albuminuria (presenza di albumina nelle urine) perché rischiano di andare incontro a danni renali più gravi e, con il tempo, a insufficienza renale. Un attento controllo della pressione arteriosa è parte fondamentale del trattamento del diabete e può proteggere dalle complicazioni renali.

Vasculopatie agli arti

Il diabete mal controllato provoca nel tempo disturbi alla circolazione sanguigna periferica (insufficienza circolatoria) degli arti, in particolare quelli inferiori.

Retinopatie

Il diabete può provocare offuscamenti temporanei, aumentare il rischio di cataratta e glaucoma e compromettere la retina, la struttura fotosensibile situata nella parte posteriore dell’occhio (retinopatia). La diagnosi precoce e l’immediato trattamento dei problemi oculari sono molto efficaci nel prevenire la progressione della malattia.

Angina, coronaropatia, infarto

Il diabete mal controllato per lungo tempo può determinare lo sviluppo di angina pectoris, problemi alle coronarie, fino ad aumentare il rischio di infarto.

Disturbi vescicali e sessuali

Un diabete trascurato o mal controllato, nel lungo periodo può portare alla comparsa di disturbi urinari, sessuali e intestinali.

Ulcerazioni/Piede diabetico

Il diabete non controllato può causare neuropatie (danni nervosi) che si manifestano con intorpidimento e formicolii agli arti, crampi ai polpacci, soprattutto notturni, ridotta sensibilità e comparsa di ulcerazioni alla pianta dei piedi. Queste possono degenerare nel piede diabetico che si manifesta con lesioni nervose, deformazioni ossee e disturbi vascolari. La cura dei piedi è estremamente importante per prevenire complicazioni: deve essere scrupolosa e regolare.

Potrebbero interessarti

  • 7 gennaio 2017Prevenzione e cura del piede diabeticoLa cura quotidiana dei piedi è essenziale per la persona con diabete, per mantenerli sani, per facilitare la rapida identificazione di eventuali alterazioni e per prevenire il piede diabetico, una complicanza subdola e invalidante che se diagnosticata precocemente può essere contrastata in modo efficace. Posted in Complicanze
  • 10 febbraio 2017Prevenzione cardiovascolare. La banca del cuore va in tourParte da Sanremo (8-11 febbraio 2017), toccando poi 30 città. Ad ogni sosta, previsti screening gratuiti di prevenzione cardiovascolare. La Banca del Cuore è una "cassaforte" virtuale che custodisce il proprio elettrocardiogramma con i valori della pressione arteriosa e i dati clinici della singola persona che ha aderito al progetto. Posted in EVENTI - 2017
  • 5 dicembre 2016Com’è fatto il nostro occhio?La superficie del bulbo oculare è formata da tre strati: il più esterno, molto resistente, la sclera, che costituisce la parte bianca dell’occhio e contribuisce a determinarne la forma. Posted in Complicanze oculari - Retinopatia