Programma per auto-controllo dell’ipertensione migliora anche livelli del colesterolo LDL

Seguire un programma di auto-controllo dell’ipertensione aiuta i pazienti a migliorare non solo i valori della pressione sanguigna ma anche il livello di glucosio presente nell’emoglobina.
Lo hanno ipotizzato i ricercatori della Duke University di Durham (North Carolina, USA) dopo aver  osservato un gruppo di partecipanti del V-STITCH ( Veterans Study to Improve the Control of Hypertension): questo programma per il controllo dell’ipertensione prevedeva che un gruppo di pazienti seguisse i normali trattamenti per combattere la pressione alta, mentre un altro gruppo ricevesse l’intervento telefonico per l’auto-controllo da parte di un’infermiera ogni 2 mesi.
Secondo le osservazioni dei ricercatori americani i pazienti diabetici che facevano parte del gruppo con intervento telefonico mostravano una riduzione dell’emoglobina glicata (HbA1c) dello 0.28% mentre i pazienti che seguivano le normali procedure di controllo pressorio facevano registrare addirittura un aumento dello 0.18% dell’HbA1c. Una riduzione del colesterolo LDL aveva invece interessato entrambi i gruppi in maniera pressoché uguale.
Questi risultati fanno pensare che un programma che abbia l’obiettivo di tenere sotto controllo i valori legati a una certa patologia possa comunque rivelarsi molto utile per prevenire altri disturbi, inducendo il paziente a controllare maggiormente il proprio stato di salute.

 

 

FonteAmerican Journal of Medicine 2009; 122: 639–646

Potrebbero interessarti

  • 16 gennaio 2017Farmaci. 1 Italiano su 3 non segue la prescrizione del medicoItaliani “anarchici” per quanto riguarda la terapia con farmaci. E questo comportamento ha risvolti negativi sull’aderenza terapeutica. A sottolinearlo è un'indagine dell'Osservatorio nazionale sulla salute della donna (Onda) nella quale si evidenzia la necessità di una migliore comunicazione tra medico e paziente. Posted in Italia
  • 11 novembre 2016Girovita: diamogli un taglioManiglie di Venere, fisico a mela o… odiosa pancetta? Chiamateli come volete ma non esagerate. Troppi chili, soprattutto se concentrati nella parte centrale del corpo aumentano il rischio di diabete, ipertensione e malattie del cuore. Posted in Indici e calcoli, Area interattiva
  • 14 novembre 2016La medicina di genereLa Medicina di genere è finalizzata a garantire l’appropriatezza della terapia a ogni persona, uomo o donna che sia, rafforzando il concetto della centralità del singolo paziente che il medico si trova davanti e alle sue specifiche esigenze di salute. Posted in Diabete al femminile