Programma per auto-controllo dell’ipertensione migliora anche livelli del colesterolo LDL

Seguire un programma di auto-controllo dell’ipertensione aiuta i pazienti a migliorare non solo i valori della pressione sanguigna ma anche il livello di glucosio presente nell’emoglobina.
Lo hanno ipotizzato i ricercatori della Duke University di Durham (North Carolina, USA) dopo aver  osservato un gruppo di partecipanti del V-STITCH ( Veterans Study to Improve the Control of Hypertension): questo programma per il controllo dell’ipertensione prevedeva che un gruppo di pazienti seguisse i normali trattamenti per combattere la pressione alta, mentre un altro gruppo ricevesse l’intervento telefonico per l’auto-controllo da parte di un’infermiera ogni 2 mesi.
Secondo le osservazioni dei ricercatori americani i pazienti diabetici che facevano parte del gruppo con intervento telefonico mostravano una riduzione dell’emoglobina glicata (HbA1c) dello 0.28% mentre i pazienti che seguivano le normali procedure di controllo pressorio facevano registrare addirittura un aumento dello 0.18% dell’HbA1c. Una riduzione del colesterolo LDL aveva invece interessato entrambi i gruppi in maniera pressoché uguale.
Questi risultati fanno pensare che un programma che abbia l’obiettivo di tenere sotto controllo i valori legati a una certa patologia possa comunque rivelarsi molto utile per prevenire altri disturbi, inducendo il paziente a controllare maggiormente il proprio stato di salute.

 

 

FonteAmerican Journal of Medicine 2009; 122: 639–646

Potrebbero interessarti

  • 10 febbraio 2017Prevenzione cardiovascolare. La banca del cuore va in tourParte da Sanremo (8-11 febbraio 2017), toccando poi 30 città. Ad ogni sosta, previsti screening gratuiti di prevenzione cardiovascolare. La Banca del Cuore è una "cassaforte" virtuale che custodisce il proprio elettrocardiogramma con i valori della pressione arteriosa e i dati clinici della singola persona che ha aderito al progetto. Posted in EVENTI - 2017
  • 16 marzo 2017Metformina: confermata terapia di prima linea nel trattamento del diabete tipo 2La metformina rappresenta il golden standard per il trattamento di prima scelta nel diabete di tipo 2 (DT2); quando necessario, la terapia combinata con una o più altre molecole deve iniziare precocemente. Sono alcune delle raccomandazioni inserite in un aggiornato documento sinottico dell’American Diabetes Association (ADA) , pubblicato online su Annals of Internal Medicine, il 14 marzo 2017. Posted in Metformina e ipoglicemizzanti orali
  • 2 febbraio 2017Struttura e funzioni delle unghieLe unghie di mani e piedi sono una particolare varietà di annessi cutanei, localizzati sulla falange distale delle dita. Oltre alla funzione protettiva quindi, esse contribuiscono a dare forza alle dita e agevolano la sensibilità tattile della presa e della motilità fine. Posted in Unghie e onicopatie