Pubertà precoce aumenta rischio diabete, obesità e tumori

Uno studio condotto in Germania dai ricercatori della Fulda University of Applied Sciences ha dimostrato la tendenza in soggetti nati sottopeso a un ingresso anticipato di 4-7 mesi nella fase della pubertà rispetto al normale.
Per la ricerca sono stati analizzati i dati relativi a 215 ragazzi e ragazze che facevano già parte di uno studio iniziato dall’Istituto di Ricerca Child Nutrition di Dortmund nel 1985. I dati riguardavano in particolare peso e altezza misurati al momento della nascita e in altri cinque momenti tra i 6 e i 13 anni di vita. I ricercatori hanno osservato che, sul totale del campione analizzato, 108 bambini erano entrati nella pubertà in età normale, 54 in ritardo e 53 in anticipo. È inoltre emerso che il 21% di questi ultimi era nato con peso inferiore alla norma, mentre fra coloro che erano entrati in pubertà in età normale o in ritardo solo il 10% e il 6% rispettivamente era sottopeso alla nascita.
Un altro fattore che sembra essere collegato alla precocità dell’ingresso in pubertà era il rapido aumento di peso nei primi due anni di vita: quelli con pubertà precoce nel 42% dei casi avevano infatti avuto un veloce incremento di peso, contro il 20% circa degli altri due gruppi.
Poiché un ingresso precoce nella fase della pubertà è stato collegato a un più alto rischio di sviluppare diabete, obesità e alcuni tipi di cancro, i risultati di questa nuova ricerca, se confermati, risulterebbero molto importanti nella prevenzione di queste malattie.

 

 
Fonte: 14 dicembre 2009, lastampa.it

Potrebbero interessarti

  • 9 novembre 2016Uno sguardo al diabete nel mondoL'inarrestabile incremento numerico dei casi di diabete mellito in tutto il mondo e il dato saliente che emerge da un'analisi geografica delle aree a maggior sviluppo epidemiologico è che il diabete cresce maggiormente in Asia, Oceania ed Africa rispetto all'Europa e al Nord-America. Posted in Mondo, Europa
  • 16 gennaio 2017Farmaci. 1 Italiano su 3 non segue la prescrizione del medicoItaliani “anarchici” per quanto riguarda la terapia con farmaci. E questo comportamento ha risvolti negativi sull’aderenza terapeutica. A sottolinearlo è un'indagine dell'Osservatorio nazionale sulla salute della donna (Onda) nella quale si evidenzia la necessità di una migliore comunicazione tra medico e paziente. Posted in Italia
  • 11 novembre 2016Girovita: diamogli un taglioManiglie di Venere, fisico a mela o… odiosa pancetta? Chiamateli come volete ma non esagerate. Troppi chili, soprattutto se concentrati nella parte centrale del corpo aumentano il rischio di diabete, ipertensione e malattie del cuore. Posted in Indici e calcoli, Area interattiva