Puntare sull’educazione per ridurre il rischio infarto

Studiare aiuta a prevenire l’infarto. Secondo i ricercatori del Sahlgrenska University Hospital di Goteborg, passare almeno 8 anni tra i banchi ridurrebbe il rischio di essere colpiti da infarto. La motivazione alla base di questa nuova ipotesi è che l’educazione sia la migliore arma di prevenzione contro i fattori e i comportamenti che aumentano il rischio di infarto. È probabile che coloro che hanno un maggiore livello di istruzione siano più consapevoli di quali sono i fattori di rischio da evitare per salvaguardare la salute del proprio cuore e che quindi adottino comportamenti protettivi e salutari.
È necessario quindi puntare sugli anni che i ragazzi trascorrono fra i banchi per insegnar loro abitudini salutari, come ad esempio il mangiar sano, fare sport in modo regolare ed evitare fumo e alcol, tutti insegnamenti che una volta appresi vengono mantenuti più facilmente anche in età adulta, riducendo notevolmente il rischio di patologie legate a stili di vita sbagliati.

 

 

 

Fonte: 17 gennaio 2010, corriere.it

Potrebbero interessarti

  • 31 maggio 201731 maggio 2017: Giornata Mondiale senza Tabacco, i milanesi e il fumoÈ in crescita il numero di milanesi che dichiara di non avere intenzione di smettere di fumare. È questo uno dei dati che emerge dall’indagine che la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori - LILT di Milano ha commissionato alla Doxa in occasione della Giornata Mondiale senza Tabacco, che si celebra ogni 31 maggio. Posted in Fumo
  • 31 maggio 2017I rischi del fumoIl fumo è considerato il principale fattore di rischio per le patologie respiratorie, malattie cardiovascolari, tumori al polmone, al cavo orale, laringe e diversi tipi di neoplasie. Il fumo, attivo o passivo, produce nell’organismo diversi effetti dannosi, tra cui un maggior rischio di diabete di tipo 2. Posted in Fumo
  • 13 giugno 2017Primi caldi: un vademecum per contrastare il colpo di caloreDurante le giornate afose, in luoghi dove il caldo e l’umidità raggiungono livelli critici, aumentano le probabilità di andare incontro ad un colpo di calore. Vediamone sintomi, primo soccorso e prevenzione. Posted in Viaggi e vacanze