Puntare sull’educazione per ridurre il rischio infarto

Studiare aiuta a prevenire l’infarto. Secondo i ricercatori del Sahlgrenska University Hospital di Goteborg, passare almeno 8 anni tra i banchi ridurrebbe il rischio di essere colpiti da infarto. La motivazione alla base di questa nuova ipotesi è che l’educazione sia la migliore arma di prevenzione contro i fattori e i comportamenti che aumentano il rischio di infarto. È probabile che coloro che hanno un maggiore livello di istruzione siano più consapevoli di quali sono i fattori di rischio da evitare per salvaguardare la salute del proprio cuore e che quindi adottino comportamenti protettivi e salutari.
È necessario quindi puntare sugli anni che i ragazzi trascorrono fra i banchi per insegnar loro abitudini salutari, come ad esempio il mangiar sano, fare sport in modo regolare ed evitare fumo e alcol, tutti insegnamenti che una volta appresi vengono mantenuti più facilmente anche in età adulta, riducendo notevolmente il rischio di patologie legate a stili di vita sbagliati.

 

 

 

Fonte: 17 gennaio 2010, corriere.it

Potrebbero interessarti

  • 10 ottobre 2017“Muoviti-muoviti”: cultura del movimento al Pini-CTO di MilanoQuando l’attività fisica aiuta a contrastare l’evoluzione delle malattie croniche. L’iniziativa si è svolta sabato 7 ottobre 2017 a Milano: un’intera giornata dedicata alla cultura del movimento che ha visto gli specialisti del Pini-CTO disponibili a rispondere a dubbi e domande della cittadinanza. La manifestazione, gratuita e aperta a tutti, è stata promossa da SIMFER, Happy Ageing e […] Posted in Movimento
  • 11 ottobre 2017Carenza di vitamina D: sorvegliata speciale per osteoporosi, artrosi e sarcopeniaDal 5 al 7 ottobre 2017, si è tenuto a Napoli il VI Congresso di ASON, l’Associazione rappresentativa di specialisti ortopedici, fisiatri e reumatologi operanti sul territorio. Quest’anno, focus sulla mancanza ormai epidemica di vitamina D che, oltre alle patologie osteoarticolari, si associa sempre più spesso anche a diabete di tipo 2, sclerosi multipla e demenza senile. Posted in Diabete e osteoporosi
  • 12 ottobre 2017Giornata Mondiale della Menopausa: Onda inaugura la 1° edizione di (H)-Open dayDal 18 al 22 ottobre 2017, porte aperte in oltre 100 ospedali del network Bollini Rosa di Onda, Osservatorio Nazionale sulla salute della donna. Servizi gratuiti clinico-diagnostici e informativi alle donne per promuovere il benessere in menopausa. Posted in Diabete al femminile