Quali sono i livelli di rischio per l’insorgenza di piede diabetico?

NON A RISCHIO

  • Conservazione della sensibilità
  • Assenza di segni di vascolopatia periferica
  • Assenza di altri fattori di rischio

A RISCHIO

  • Presenza di neuropatia o di altri singoli fattori di rischio

AD ALTO RISCHIO

  • Diminuita sensibilità e comparsa di deformità dei piedi
  • Evidenza di vascolopatia periferica
  • Precedenti ulcerazioni o amputazioni

PIEDE ULCERATO

  • Presenza di ulcere al piede
Fonte: Documento di Consenso Internazionale del Piede Diabetico, 2004

Potrebbero interessarti

  • 8 dicembre 2016Podologo: l’esperto per la cura dei piediNelle competenze del podologo rientrano le asportazioni di tessuti cheratinici ipertrofici, la cura delle patologie delle unghie [onicocriptosi (unghia incarnica), onicogrifosi, onicomicosi], la riabilitazione del passo con tecniche appropriate e con l’utilizzo di presidi ortesici. Posted in Piede diabetico
  • 15 febbraio 2017Che cos’è l’onicogrifosi?Il termine onicogrifosi descrive un’unghia che assomiglia a un artiglio. È un segno di disuguale crescita della matrice dell’unghia che produce una lamina ungueale che cresce più in spessore che in lunghezza, ricurva lateralmente perché cresce di più da un lato rispetto all’altro e spesso con la punta rivolta all’ingiù. Posted in Unghie e onicopatie
  • 13 febbraio 2017Unghie dei piedi: vasi e nerviA cura del dr. Claudio Fantauzzi, Podologo, Tivoli Terme (Roma). Le dita dei piedi sono irrorate e innervate da arterie e nervi digitali, dorsali e plantari.   Posted in Unghie e onicopatie