Quali sono i livelli di rischio per l’insorgenza di piede diabetico?

NON A RISCHIO

  • Conservazione della sensibilità
  • Assenza di segni di vascolopatia periferica
  • Assenza di altri fattori di rischio

A RISCHIO

  • Presenza di neuropatia o di altri singoli fattori di rischio

AD ALTO RISCHIO

  • Diminuita sensibilità e comparsa di deformità dei piedi
  • Evidenza di vascolopatia periferica
  • Precedenti ulcerazioni o amputazioni

PIEDE ULCERATO

  • Presenza di ulcere al piede
Fonte: Documento di Consenso Internazionale del Piede Diabetico, 2004

Potrebbero interessarti

  • 8 dicembre 2016Podologo: l’esperto per la cura dei piediNelle competenze del podologo rientrano le asportazioni di tessuti cheratinici ipertrofici, la cura delle patologie delle unghie [onicocriptosi (unghia incarnica), onicogrifosi, onicomicosi], la riabilitazione del passo con tecniche appropriate e con l’utilizzo di presidi ortesici. Posted in Piede diabetico
  • 7 gennaio 2017Prevenzione e cura del piede diabeticoLa cura quotidiana dei piedi è essenziale per la persona con diabete, per mantenerli sani, per facilitare la rapida identificazione di eventuali alterazioni e per prevenire il piede diabetico, una complicanza subdola e invalidante che se diagnosticata precocemente può essere contrastata in modo efficace. Posted in Complicanze
  • 25 novembre 2016L’Iran del velo, dei datteri e dei materassi per terra: bici-diario col diabete di tipo 1Nel giro di quarantacinque lunghi giorni, insieme a Riccardo, ho pedalato quasi 2000 km di Iran, da Nord a Sud, avendo modo di vedere panorami mozzafiato, visitare tantissime città e villaggi, dai più anonimi alle magnifiche Esfahan e Shiraz, farci incantare della raffinata architettura persiana, mangiare piatti locali (purtroppo  poco vari) e conoscere un numero spropositato di iraniani. Posted in For a piece of cake