Rimborsato il farmaco per il diabete

A Milano, durante un convegno di diabetologi è stato annunciato che l’acarbosio, uno dei principi attivi per trattare il diabete di tipo 2 insieme alla metformina, è stato finalmente inserito nei farmaci di fascia A, quelli a totale rimborso del Servizio Sanitario Nazionale. Una notizia attesa da 15 anni che mette l’Italia alla pari con gli altri Stati europei. Lorenzo Mantovani, farmaco-economista dell’Università Federico II di Napoli, ha spiegato che la terapia con acarbosio finora costava giornalmente al paziente 1,05 euro (3.500 euro in 10 anni di cura) mentre ora al paziente non costa nulla e al Servizio Sanitario costa 0,60 euro al giorno, circa 1.700 euro per 10 anni.
La stima di Mantovani è che «Questo costo sia in equilibrio con le complicanze della patologia, che si riducono grazie all’uso del farmaco. Il paziente cioè, ogni 10 anni di terapia con il farmaco guadagna circa quattro mesi libero dalla malattia e dalle sue complicanze».

 

 
Fonte: 5 maggio 2010, ilmessaggero.it

Potrebbero interessarti

  • 27 ottobre 2017Diabete: le novità dei nuovi LEAI nuovi LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) sono stati pubblicati sulla G.U. del 18 marzo 2017, Supplemento n. 15 (DPCM 12 gennaio 2017); con tale decreto sono stati ridefiniti il numero e tipo di prestazioni delle quali i cittadini italiani potranno usufruire gratuitamente o a seguito del pagamento di una quota di partecipazione. Posted in Italia
  • 18 settembre 2017Da Cortina a Dobbiaco, in bici con il diabete di tipo 1Con il DT1 si può, anche pedalare insieme. Era questo l’obiettivo della pedalata per persone con diabete di tipo 1, non a scopo competitivo ma per far comprendere come i pazienti insulino-dipendenti possano condurre una vita normale e affrontare qualsiasi sfida, anche in ambito sportivo. Posted in NEWS - 2017
  • 27 settembre 2017Diabete tipo 1: La ricerca va incontro ai bisogni dei ragazziMigliorare la qualità di vita delle persone con diabete di tipo 1 oggi si può: il futuro è sempre più vicino. Un board di diabetologi pediatri ha presentato un nuovo documento per raccomandare l’utilizzo del sensore per il monitoraggio della glicemia il 100% del tempo negli adolescenti con diabete di tipo 1. Posted in Nuove tecnologie