Rischio cardiaco maggiore del 40% per le donne con lavori stressanti

A Chicago, nel corso dell’American Heart Association’s Scientific Session 2010, è stata presentata una ricerca secondo la quale le donne che svolgono lavori psicologicamente stressanti ma con poche possibilità decisionali hanno un rischio di malattie cardiache maggiore del 40%. Gli studiosi del Brigham and Women’s Hospital di Boston hanno monitorato per dieci anni l’evoluzione delle malattie cardiovascolari di 17.415 donne sane con un’età media di 57 anni e ne hanno valutato lo stress lavorativo e la precarietà del lavoro attraverso un questionario standard. La conclusione di Michelle Albert, che ha coordinato i ricercatori, è che «Bisogna fare molta attenzione alle sollecitazioni del lavoro perché la salute può esserne influenzata positivamente ma anche negativamente».

 

 
Fonte: 16 novembre, sanitanews.it

Potrebbero interessarti

  • 16 gennaio 2017Farmaci. 1 Italiano su 3 non segue la prescrizione del medicoItaliani “anarchici” per quanto riguarda la terapia con farmaci. E questo comportamento ha risvolti negativi sull’aderenza terapeutica. A sottolinearlo è un'indagine dell'Osservatorio nazionale sulla salute della donna (Onda) nella quale si evidenzia la necessità di una migliore comunicazione tra medico e paziente. Posted in Italia
  • 8 marzo 2017Diabete e alimentazione: un legame imprescindibileRoma, 18-19 Marzo 2017. L’evento è caratterizzato da un importante risvolto pratico, e si propone di migliorare la formazione professionale del team diabetologico, incentivando le competenze specifiche dei professionisti del settore sanitario pubblico e privato. Posted in EVENTI - 2017
  • 24 febbraio 2017Metformina: migliore prognosi nei pazienti con diabete tipo 2 e patologie associateI pazienti con diabete di tipo 2 avanzato raramente hanno una sola malattia cronica da gestire. Alcune comorbidità (malattie associate) come l’insufficienza renale o epatica e l’insufficienza cardiaca congestizia riducono fortemente il numero di farmaci da poter utilizzare per tenere sotto controllo i valori della glicemia in modo efficace e sicuro. Posted in Metformina e ipoglicemizzanti orali