Rischio cardiaco maggiore del 40% per le donne con lavori stressanti

A Chicago, nel corso dell’American Heart Association’s Scientific Session 2010, è stata presentata una ricerca secondo la quale le donne che svolgono lavori psicologicamente stressanti ma con poche possibilità decisionali hanno un rischio di malattie cardiache maggiore del 40%. Gli studiosi del Brigham and Women’s Hospital di Boston hanno monitorato per dieci anni l’evoluzione delle malattie cardiovascolari di 17.415 donne sane con un’età media di 57 anni e ne hanno valutato lo stress lavorativo e la precarietà del lavoro attraverso un questionario standard. La conclusione di Michelle Albert, che ha coordinato i ricercatori, è che «Bisogna fare molta attenzione alle sollecitazioni del lavoro perché la salute può esserne influenzata positivamente ma anche negativamente».

 

 
Fonte: 16 novembre, sanitanews.it

Potrebbero interessarti

  • 28 novembre 2017Esiste una correlazione tra la violenza del partner e il rischio di obesitá o di diabete di tipo 2?Il 25 novembre di ogni anno ricorre la Giornata contro la violenza sulle donne. In quest’occasione ci siamo chiesti se ci fosse qualche correlazione tra la violenza subita dalla donna e il maggior rischio o addirittura la maggiore incidenza di diabete di tipo 2 e/o di obesità. Posted in Diabete al femminile
  • 6 dicembre 2017Torino: nuova tappa del Cities Changing Diabetes® ProgramNella Città metropolitana, capoluogo della Regione Piemonte, risiedono quasi 121 mila persone con diabete, il 5,3 per cento della popolazione censita, un record negativo per il Nord Italia; dagli esperti un invito alle amministrazioni cittadine a farsi carico della promozione della salute e della prevenzione delle malattie croniche non trasmissibili come diabete tipo 2 e obesità. Posted in Mondo, Europa
  • 30 novembre 2017Diabete e invalidità civile: arrivano le linee guidaUn lavoro di due anni condotto dalla Federazione Diabete Giovanile (FDG). Medici del lavoro, giuristi e diabetologi concordano: “La normativa è vecchia e i pareri delle commissioni difformi”. Cabras (FDG):” Siamo contro le posizioni demagogiche, ci vuole coerenza e serietà”. Posted in Linee guida