Rischio diabete e obesità per bimbi nati con fecondazione in vitro

Osservando l’attività di regolazione dei geni (epigenetica) nei bambini concepiti grazie al metodo di fecondazione in vitro, i ricercatori della Temple University di Philadelphia hanno riscontrato un livello di duplicazione del Dna più lento rispetto a quello registrato nei bambini concepiti con metodo naturale. Conseguenza diretta di questa lentezza nella duplicazione è un maggior ritardo nell’inizio dell’attività cellulare.
La ricerca, effettuata per individuare la causa della maggior propensione a disordini metabolici, obesità e diabete in bambini nati con metodo Fivet (fecondazione “in provetta”), per ora ha dimostrato che esiste una differenza a livello genetico con i bimbi concepiti naturalmente, ma non è ancora stato possibile determinare se questa sia anchealla base del rischio maggiore di sviluppare malattie metaboliche. Sono necessari ulteriori studi per vagliare anche un’altra ipotesi, ovvero che il patrimonio genetico di genitori non fertili abbia un livello di regolazione differente, e che questo venga, ovviamente, trasmesso al feto.

 

 

 

Fonte: 14 gennaio 2010, news.kataweb.it

Potrebbero interessarti

  • 14 novembre 2016La medicina di genereLa Medicina di genere è finalizzata a garantire l’appropriatezza della terapia a ogni persona, uomo o donna che sia, rafforzando il concetto della centralità del singolo paziente che il medico si trova davanti e alle sue specifiche esigenze di salute. Posted in Diabete al femminile
  • 2 novembre 2016Il Metodo WAL nella prevenzione del diabeteIntervista alla dott.ssa Annamaria Crespi, psicologa, ideatrice e promotrice del metodo WAL e autrice del libro: “Il metodo WAL (Walk And Learn) Previeni, impara, cammina”, Morlacchi Ed, 2014. Posted in Prevenzione e Terapia
  • 19 novembre 2016Cura Diabete: quali sono le prestazioni sanitarie più efficaci?L’Associazione Medici Diabetologi (AMD) ha misurato con un approccio scientifico le prestazioni diabetologiche che funzionano di più, ovvero quelle che garantiscono un miglior controllo dei rischi clinici da un lato e maggiore efficienza per il Servizio Sanitario Nazionale, dall’altro. Posted in Italia