Rischio diabete e obesità per bimbi nati con fecondazione in vitro

Osservando l’attività di regolazione dei geni (epigenetica) nei bambini concepiti grazie al metodo di fecondazione in vitro, i ricercatori della Temple University di Philadelphia hanno riscontrato un livello di duplicazione del Dna più lento rispetto a quello registrato nei bambini concepiti con metodo naturale. Conseguenza diretta di questa lentezza nella duplicazione è un maggior ritardo nell’inizio dell’attività cellulare.
La ricerca, effettuata per individuare la causa della maggior propensione a disordini metabolici, obesità e diabete in bambini nati con metodo Fivet (fecondazione “in provetta”), per ora ha dimostrato che esiste una differenza a livello genetico con i bimbi concepiti naturalmente, ma non è ancora stato possibile determinare se questa sia anchealla base del rischio maggiore di sviluppare malattie metaboliche. Sono necessari ulteriori studi per vagliare anche un’altra ipotesi, ovvero che il patrimonio genetico di genitori non fertili abbia un livello di regolazione differente, e che questo venga, ovviamente, trasmesso al feto.

 

 

 

Fonte: 14 gennaio 2010, news.kataweb.it

Potrebbero interessarti

  • 10 agosto 2017La sfida del “diabete urbano”Nel 1950 un abitante del pianeta su 3, pari a 749 milioni di persone, viveva in città; oggi è 1 su 2, cioè 3,9 miliardi; entro il 2050 saranno 2 su 3, per 6,4 miliardi. Contemporaneamente cresce il numero di persone con diabete, passate dai 285 milioni del 2010 ai 415 milioni di oggi. Posted in Italia
  • 11 agosto 2017L’impatto del diabete in ItaliaOggi diamo i numeri sul diabete! Non per alimentare preoccupazioni, non per creare ansie ma per conoscere meglio l’entità e la crescita della malattia, per esserne più consapevoli. Posted in Italia
  • 10 luglio 2017Peptide C: che cos’è e che cosa misuraIl C-peptide viene considerato un indicatore di secrezione di insulina endogena da parte delle cellule beta del pancreas. I livelli di C-peptide si correlano sia al tipo di diabete che alla durata della malattia. Posted in Capire gli esami