Rischio diabete e obesità per bimbi nati con fecondazione in vitro

Osservando l’attività di regolazione dei geni (epigenetica) nei bambini concepiti grazie al metodo di fecondazione in vitro, i ricercatori della Temple University di Philadelphia hanno riscontrato un livello di duplicazione del Dna più lento rispetto a quello registrato nei bambini concepiti con metodo naturale. Conseguenza diretta di questa lentezza nella duplicazione è un maggior ritardo nell’inizio dell’attività cellulare.
La ricerca, effettuata per individuare la causa della maggior propensione a disordini metabolici, obesità e diabete in bambini nati con metodo Fivet (fecondazione “in provetta”), per ora ha dimostrato che esiste una differenza a livello genetico con i bimbi concepiti naturalmente, ma non è ancora stato possibile determinare se questa sia anchealla base del rischio maggiore di sviluppare malattie metaboliche. Sono necessari ulteriori studi per vagliare anche un’altra ipotesi, ovvero che il patrimonio genetico di genitori non fertili abbia un livello di regolazione differente, e che questo venga, ovviamente, trasmesso al feto.

 

 

 

Fonte: 14 gennaio 2010, news.kataweb.it

Potrebbero interessarti

  • 31 marzo 2017Promuovere il Patient Engagement nella gestione della cronicità: raccomandazioni per la praticaMercoledì 5 aprile 2017, all’Università Cattolica in largo Gemelli, Milano ricercatori, rappresentanti del mondo clinico, delle associazioni di pazienti e di volontariato e della politica si confronteranno nella Prima Conferenza di Consenso Italiana sul Patient Engagement (CCIPE) in ambito clinico-assistenziale per le malattie croniche, tra cui il diabete. Posted in Linee guida
  • 19 aprile 2017Urbanizzazione e salute: due facce della stessa medagliaEntro il 2030, 1 miliardo e mezzo di persone si sposterà dalle campagne alle città, provocando l’urbanizzazione di 1,5 milioni di chilometri quadrati. Fenomeno sociale inarrestabile e tendenza irreversibile, che va gestito e studiato dal punto di vista di: assetto urbanistico, trasporti, contesto occupazionale, ma soprattutto salute pubblica, perché è indissolubilmente legato […] Posted in Mondo, Europa
  • 22 aprile 2017Colesterolo “cattivo” e colesterolo “buono”. Perché?Il colesterolo è un particolare grasso (o lipide) che si trova esclusivamente negli alimenti di origine animale e può essere sintetizzato anche dal nostro organismo. E’ una molecola di grande importanza e utilità biologica, componente di tutte le membrane cellulari e del rivestimento di mielina che ricopre i nervi. Posted in Grassi