Salute: obesità fattore di rischio per nuova influenza

Influenza suina e obesita’ non vanno d’accordo. Ad affermarlo sono i risultati di un sondaggio eseguito in California su 30 persone ricoverate in ospedale a causa della nuova influenza, secondo il quale l’obesita’ risulta essere un fattore di rischio ulteriore per i malati di influenza suina al pari di diabete, malattie cardiache e gravidanza: ”Siamo rimasti sorpresi dalla frequenza di obesita’ tra i casi piu’ gravi di influenza che abbiamo monitorato”, spiega Anne Schuchat, epidemiologa del Centers for Disease Control and Prevention.
L’eta’ media dei 30 californiani ricoverati in ospedale per l’influenza suina e sottoposti al sondaggio e’ di 27,5 anni.
Il 75% sono donne, il 65% e’ di origine ispanica. Dei trenta individui, al momento del sondaggio 11 avevano un precedente disturbo polmonare come asma o enfisema, 5 gia’ soffrivano di malattie cardiache di diverso tipo, 5 donne erano in dolce attesa, 4 persone avevano il diabete e altre 4 erano obese.

 

 

Fonte: asca.it

Potrebbero interessarti

  • 12 gennaio 2017Piemonte: la nuova Rete Territoriale Endocrino-DiabetologicaIl dottor Alessandro Ozzello, Presidente della Sezione AMD Piemonte-Valle D’Aosta e direttore del Servizio di Diabetologia Ospedale Pinerolo Asl Torino 3, commenta le trasformazioni del modello esistente, in seguito all'approvazione della Delibera della Giunta Regionale, n. 27-4072 del 17.10.2016 e illustra i cambiamenti positivi per la presa in carico di persone con diabete mellito. Posted in Regioni
  • 7 dicembre 2016Roma: metropoli scelta per il 2017 dal programma Cities Changing Diabetes®Il progetto coinvolge Istituzioni nazionali, amministrazioni locali, mondo accademico e terzo settore, con l’obiettivo di evidenziare il legame fra il diabete, in particolare diabete di tipo 2, e le grandi città e promuovere iniziative per salvaguardare la salute dei cittadini e prevenire la malattia. Posted in Mondo, Europa
  • 19 novembre 2016Cura Diabete: quali sono le prestazioni sanitarie più efficaci?L’Associazione Medici Diabetologi (AMD) ha misurato con un approccio scientifico le prestazioni diabetologiche che funzionano di più, ovvero quelle che garantiscono un miglior controllo dei rischi clinici da un lato e maggiore efficienza per il Servizio Sanitario Nazionale, dall’altro. Posted in Italia