Save the date 4 OTTOBRE 2014, 30^ GIORNATA NAZIONALE FAND (ASSOCIAZIONE ITALIANA DIABETICI): NELLE PIAZZE PER PARLARE DI DIABETE

Oltre 3.200.000 i diabetici in Italia, il 5,4% della popolazione, secondo i dati ISTAT 2013, senza contare coloro che hanno la malattia ma ancora non lo sanno. Il 4 ottobre, si celebra la 30° Giornata Nazionale dell’Associazione italiana diabetici (FAND) per il diabete: nelle principali città italiane iniziative di sensibilizzazione sulla malattia.

Per far conoscere il diabete e sensibilizzare la popolazione e le istituzioni su quella che è ormai considerata una vera e propria “epidemia”, la FAND (Associazione italiana diabetici) a cui aderiscono oltre cento associazioni di diabetici, organizza ogni anno una giornata, celebrata il 4 ottobre e giunta alla sua 30^ edizione, dedicata alla conoscenza delle associazioni attive sul territorio e delle loro iniziative.
Durante la prima settimana di ottobre, nelle principali città italiane e nei comuni sedi di associazioni aderenti a FAND saranno organizzati eventi e iniziative, che comprendono percorsi informativi ed educativi dedicati al mondo del diabete, e screening gratuiti per verificare glicemia, pressione arteriosa e indice di massa corporea. Abbinata alla giornata, l’iniziativa FAND “Un sor…riso per il diabete”, con la distribuzione di sacchetti da 1 kg di riso: le offerte andranno a favore delle associazioni locali per la tutela delle persone con diabete.

Un’iniziativa di crescente successo
“Nel 1985, quando è stata istituita la giornata nazionale FAND per il diabete, dal nostro fondatore Roberto Lombardi, lo scopo era quello di far parlare di diabete nelle piazze delle principali città italiane, per far conoscere una malattia a molti poco nota e sensibilizzare le istituzioni”, spiega Egidio Archero, presidente nazionale FAND. “Dopo 30 anni, lo scopo dell’iniziativa non è cambiato. La FAND annovera ora oltre cento Associazioni di persone con diabete ed è stata protagonista, al fianco delle società scientifiche e delle altre componenti del mondo del diabete, di un percorso che ha portato a livelli elevati di assistenza e di cura. Da allora infatti il nostro paese si è dotato di una legge, la 115 del 1987, che tutela le persone con diabete, e del Piano nazionale per la malattia diabetica, già recepito da molte regioni, che delinea strumenti e iniziative volti a favorire prevenzione, assistenza e cura della malattia. Auspichiamo che la politica in atto di razionalizzazione della spesa non comporti la messa in discussione di un fiore all’occhiello del nostro sistema sanitario, quale è la rete diabetologica italiana. Piuttosto è importante utilizzare al meglio le risorse a disposizione, ad esempio ottimizzando e uniformando i costi di rimborso dei presidi sul territorio nazionale. Da questo punto di vista, iniziative come la giornata nazionale FAND, offrono l’occasione ideale per sensibilizzare le istituzioni e l’opinione pubblica allo scopo di tutelare le persone con diabete” conclude Archero.

Maggiori informazioni nei siti delle varie Associazioni locali su tutto il territorio nazionale e sul sito di Diabete italia

Potrebbero interessarti

  • 27 settembre 2017L’obesità si associa a un elevato rischio di sviluppare diabete di tipo 2Tale rischio è stato ampiamente sottolineato al Congresso della Società Italiana dell’Obesità (SIO) che si è svolto a Milano il 15-16 settembre 2017 dove un’intera sessione è stata dedicata alla diabesità ovvero la frequente associazione tra obesità e diabete di tipo 2 (DT2). Ma quali sono i pazienti con un più alto rischio di DT2? Posted in Fattori di rischio
  • 18 settembre 2017Da Cortina a Dobbiaco, in bici con il diabete di tipo 1Con il DT1 si può, anche pedalare insieme. Era questo l’obiettivo della pedalata per persone con diabete di tipo 1, non a scopo competitivo ma per far comprendere come i pazienti insulino-dipendenti possano condurre una vita normale e affrontare qualsiasi sfida, anche in ambito sportivo. Posted in NEWS - 2017
  • 27 ottobre 2017Diabete: le novità dei nuovi LEAI nuovi LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) sono stati pubblicati sulla G.U. del 18 marzo 2017, Supplemento n. 15 (DPCM 12 gennaio 2017); con tale decreto sono stati ridefiniti il numero e tipo di prestazioni delle quali i cittadini italiani potranno usufruire gratuitamente o a seguito del pagamento di una quota di partecipazione. Posted in Italia