Scoperta la relazione fra diabete, obesità e aterosclerosi

Importanti novità per la cura di patologie invalidanti come il diabete e l’obesità sono prospettate dalle ricerche di Saverio Cinti, direttore dell’istituto di Anatomia dell’Università Politecnica delle Marche. Come ha osservato Cinti nel corso del 4° Congresso Sio-Lazio (Società Italiana dell’Obesità) che si è tenuto nei giorni scorsi a Viterbo: «Fenomeni infiammatori del tessuto adiposo causano un ostacolo alla normale funzione dell’insulina, interferendo con i suoi reattori e provocando l’aumento della sua produzione e l’innalzamento del livello di glucosio nel sangue. Quindi si passa dal sovrappeso, un problema solo estetico, una condizione non ancora patologica, al diabete: un confine sottile, rappresentato dall’aumento di pochi centimetri del grasso addominale». I maschi e chi ha una storia di obesità familiare è maggiormente a rischio. L’infiammazione del tessuto adiposo è provocata dalla morte delle cellule adipose che aumentano di volume fino a sette volte ed esplodono; spiega lo studioso: «L’attività delle cellule deputate alla ‘pulizia’ dei detriti lasciati dalla morte delle cellule adipose, i macrofagi, provoca la liberazione di sostanze che vanno a occupare i recettori dell’insulina, provocando l’insorgenza del diabete». La correlazione fra il diabete e obesità sta quindi nell’aumento patologico del volume della cellula: una scoperta che spinge la case farmaceutiche alla produzione di farmaci antinfiammatori specifici per le persone con diabete.

 

 
Fonte: 10 dicembre 2010, agi.it

Potrebbero interessarti

  • 8 febbraio 2017Malattie autoimmuni: tendono ad associarsi nello stesso soggettoLe malattie autoimmuni sono causate da errori del sistema immunitario, che inizia ad aggredire cellule dei tessuti sani invece di attaccare i nemici: virus, batteri, tossine etc che l’organismo può ospitare. Possono colpire un solo organo o organi diversi anche nella stessa persona e in genere la causa non è nota. Posted in Diabete di tipo 1
  • 7 dicembre 2016Roma: metropoli scelta per il 2017 dal programma Cities Changing Diabetes®Il progetto coinvolge Istituzioni nazionali, amministrazioni locali, mondo accademico e terzo settore, con l’obiettivo di evidenziare il legame fra il diabete, in particolare diabete di tipo 2, e le grandi città e promuovere iniziative per salvaguardare la salute dei cittadini e prevenire la malattia. Posted in Mondo, Europa
  • 2 febbraio 2017Forma e spessore delle unghieLa forma dell’unghia varia parecchio da una persona ad un’altra e ricalca la forma della falange distale. Molte unghie possono presentare una superficie lievemente convessa. Posted in Unghie e onicopatie