Scoperta la relazione fra diabete, obesità e aterosclerosi

Importanti novità per la cura di patologie invalidanti come il diabete e l’obesità sono prospettate dalle ricerche di Saverio Cinti, direttore dell’istituto di Anatomia dell’Università Politecnica delle Marche. Come ha osservato Cinti nel corso del 4° Congresso Sio-Lazio (Società Italiana dell’Obesità) che si è tenuto nei giorni scorsi a Viterbo: «Fenomeni infiammatori del tessuto adiposo causano un ostacolo alla normale funzione dell’insulina, interferendo con i suoi reattori e provocando l’aumento della sua produzione e l’innalzamento del livello di glucosio nel sangue. Quindi si passa dal sovrappeso, un problema solo estetico, una condizione non ancora patologica, al diabete: un confine sottile, rappresentato dall’aumento di pochi centimetri del grasso addominale». I maschi e chi ha una storia di obesità familiare è maggiormente a rischio. L’infiammazione del tessuto adiposo è provocata dalla morte delle cellule adipose che aumentano di volume fino a sette volte ed esplodono; spiega lo studioso: «L’attività delle cellule deputate alla ‘pulizia’ dei detriti lasciati dalla morte delle cellule adipose, i macrofagi, provoca la liberazione di sostanze che vanno a occupare i recettori dell’insulina, provocando l’insorgenza del diabete». La correlazione fra il diabete e obesità sta quindi nell’aumento patologico del volume della cellula: una scoperta che spinge la case farmaceutiche alla produzione di farmaci antinfiammatori specifici per le persone con diabete.

 

 
Fonte: 10 dicembre 2010, agi.it

Potrebbero interessarti

  • 6 luglio 2017AGE e glicazione: che cosa sono?Il termine AGE si riferisce a una serie di composti chimici prodotti quando gli zuccheri si combinano con proteine o grassi (glicazione avanzata). Si trovano per esempio sulle superfici dorate o abbrustolite di cibi fritti o grigliati, oppure sul pane tostato. Posted in Carboidrati (zuccheri), Nutrizione
  • 10 luglio 2017Peptide C: che cos’è e che cosa misuraIl C-peptide viene considerato un indicatore di secrezione di insulina endogena da parte delle cellule beta del pancreas. I livelli di C-peptide si correlano sia al tipo di diabete che alla durata della malattia. Posted in Capire gli esami
  • 6 luglio 2017I.M.L. – Cooperativa Iniziativa Medica LombardaIML, iniziativa no profit, è in grado di offrire ai medici di famiglia tutti gli strumenti necessari per la gestione della cronicità che, da soli, non potrebbero avere. Si occupa della fornitura di strumenti informatici sempre più avanzati e di supporto al telemonitoraggio e alla telemedicina. Posted in Regioni