Sento sempre parlare di malattie cardiovascolari. Quali sono?

Le malattie cardiovascolari sono le patologie che colpiscono il cuore o i vasi sanguigni. Il danno provocato da queste malattie può far si che, in determinati distretti, non giunga una quantità di sangue adeguata alle esigenze metaboliche. L’insufficiente afflusso di sangue in un distretto fa sì che le cellule che lo costituiscono vadano rapidamente incontro a carenza di ossigeno (ischemia) che, se si prolunga nel tempo, può causare la morte di una parte dell’organo (infarto). L’ictus cerebrale e l’infarto del miocardio sono le più gravi e frequenti malattie cardiovascolari. Nel primo caso la malattia determina una riduzione di sangue a livello di una zona del cervello; nel secondo caso si ha una riduzione del flusso di sangue a livello di una delle coronarie, i vasi deputati a portare il sangue al muscolo cardiaco (miocardio).

Potrebbero interessarti

  • 22 aprile 2017Che cosa succede quando il colesterolo in circolo è troppo altoIl rischio è che si inneschi il processo dell’aterosclerosi, che progredisce in modo silente fino alla completa ostruzione dei vasi o alla formazione di trombi che ostruiscono il flusso del sangue e che aumentano notevolmente il rischio di malattie cardiovascolari, danni renali e ictus cerebrale. Posted in Grassi
  • 22 aprile 2017Colesterolo “cattivo” e colesterolo “buono”. Perché?Il colesterolo è un particolare grasso (o lipide) che si trova esclusivamente negli alimenti di origine animale e può essere sintetizzato anche dal nostro organismo. E’ una molecola di grande importanza e utilità biologica, componente di tutte le membrane cellulari e del rivestimento di mielina che ricopre i nervi. Posted in Grassi
  • 21 giugno 2017Lupus e sole: i consigli per gestire la malattia in estateIl lupus eritematoso sistemico (LES) è una malattia autoimmune, dall’origine ancora incerta, che colpisce soprattutto le donne. Circa il 30% delle persone con LES sviluppano nel tempo una seconda, terza o quarta malattia autoimmune, tra cui è possibile anche il diabete di tipo 1, per quanto raramente (0.6%-1.2%). Posted in Diabete e prurito