Si dimagrisce più facilmente curando la depressione

Secondo i risultati di una ricerca condotta dagli studiosi del Group Health Research Institute di Seattle, pubblicata su General Hospital Psychiatry, per dimagrire rapidamente e correttamente, alla dieta e al movimento bisogna aggiungere il supporto psicologico che aiuti a superare la depressione che spesso accompagna le persone sovrappeso: fra gli specialisti è infatti noto che il rischio di depressione fra gli obesi può aumentare dal 50 fino al 150%.
I ricercatori americani hanno tenuto sotto osservazione circa 200 donne obese di età compresa fra i 40 e i 65 anni, con sintomi di depressione, dividendole in due gruppi; uno è stato curato con le consuete diete e il movimento, mentre l’altro è stato anche supportato da cure per i disturbi depressivi. Le donne che grazie alle cure miglioravano il proprio umore erano anche quelle che dimagrivano più facilmente e rapidamente: il 38% di loro hanno perso cinque chili in sei mesi mentre solo il 22% di quelle dell’altro gruppo sono riuscite a dimagrire con gli stessi tempi.
Senza tralasciare l’importanza dell’attività fisica, come osserva Gregory Simon, che ha coordinato la ricerca americana: «Il rapporto fra depressione e attività fisica è bidirezionale: il buon umore fa venire voglia di fare movimento e a sua volta fare movimento mette di buon umore».
Lo psichiatra dell’University of Washington School of Medicine, Babak Roshanaei-Moghaddam, condivide le tesi dello studio di Seattle: «Nella maggior parte dei casi i programmi per dimagrire non prestano attenzione allo stato psicologico delle persone in sovrappeso. Questo studio sottolinea ancora una volta l’importanza di valutare subito eventuali sintomi depressivi nei pazienti obesi che chiedono aiuto, per mettere a punto programmi combinati mirati al raggiungimento sia del benessere fisico che di quello psicologico, che risulteranno così sicuramente più efficaci su entrambi i fronti».

 

 
Fonte 10 giugno 2011, corriere.it

Potrebbero interessarti

  • 10 agosto 2017La sfida del “diabete urbano”Nel 1950 un abitante del pianeta su 3, pari a 749 milioni di persone, viveva in città; oggi è 1 su 2, cioè 3,9 miliardi; entro il 2050 saranno 2 su 3, per 6,4 miliardi. Contemporaneamente cresce il numero di persone con diabete, passate dai 285 milioni del 2010 ai 415 milioni di oggi. Posted in Italia
  • 10 luglio 2017La salute della bocca non va in vacanzaL’Accademia Italiana di Odontoiatria Protesica (AIOP) propone un vademecum con i suggerimenti utili a far sì che la pausa estiva sia un’occasione per prenderci cura della salute dei nostri denti. Posted in Viaggi e vacanze
  • 6 luglio 2017Dispositivi per monitoraggio diabete: bandi di gara garantiscano libertà di scelta in un’ottica di appropriatezzaI risparmi ottenuti in Piemonte grazie all’acquisto delle strisce per glucometri, tramite bando di gara a lotto unico, rappresentano, in apparenza, una buona notizia dal punto di vista economico-finanziario, ma non altrettanto dal punto di vista dell’appropriatezza per la gestione ottimale del diabete. Posted in Regioni