Si svolge in Italia la 3° Conferenza Internazionale AGORA – Un’alleanza europea contro le malattie reumatiche

Si svolge in Italia la 3° Conferenza Internazionale AGORA - Un’alleanza europea contro le malattie reumatiche
Appuntamento italiano, in provincia di Bari, per la 3° Conferenza Internazionale AGORA (Polignano a Mare, 26-28 settembre 2014), che raccoglie le associazioni delle persone con malattie reumatiche per tre giorni di approfondimenti. AGORA è una rete collaborativa tra le associazioni del Sud Europa (Italia, Spagna, Grecia, Malta, Cipro, Bulgaria, Serbia, Romania, Montenegro) che promuove la consapevolezza dei bisogni e dei diritti delle persone con malattie reumatiche che, solo in Italia, colpiscono circa 6 milioni di persone di cui oltre 1 milione affette dalle forme croniche.
AGORA incoraggia e fornisce assistenza alle associazioni e cerca di diffondere non solo tra i suoi membri, ma anche in chi opera nella sanità e nella politica le conoscenze sulle malattie reumatiche e condivide casi di successo e strategie d’azione portate avanti nei diversi Paesi membri con l’obiettivo di delineare standard di cura migliori. La Conferenza avrà l’obiettivo di rinforzare il network di supporto ai malati e lo farà affrontando il tema “Come sviluppare un piano d’azione nazionale per le malattie reumatiche”.
“Le decisioni su terapie e assistenza ormai non hanno più solo una gestione nazionale o regionale ma, molte di queste vengono decise a livello Europeo, afferma Antonella Celano, Presidente APMAR – Associazione Persone con Malattie Reumatiche Onlus, e per questo motivo è importante avere una rete collaborativa che si confronta in termini più ampi. Ma il ruolo più importante è quello del paziente e l’educazione terapeutica del paziente è da sempre l’asse portante della filosofia di AGORA. La cronicità delle malattie reumatiche spinge AGORA ad elaborare piani di educazione per aiutare le persone malate ad acquisire e mantenere competenze che consentano una gestione ottimale della vita. Sono percorsi complessi ed articolati, finalizzati all’acquisizione delle conoscenze necessarie per affrontare le problematiche connesse alla malattia e al suo trattamento: gestione delle fasi critiche, corretta assunzione di farmaci e una gestione della quotidianità che preservi il più possibile relazioni e qualità di vita” conclude Antonella Celano.


Informazioni su: 
agora-platform.eu
Per scaricare il programma: apmar.it

Potrebbero interessarti

  • 12 gennaio 2017Piemonte: la nuova Rete Territoriale Endocrino-DiabetologicaIl dottor Alessandro Ozzello, Presidente della Sezione AMD Piemonte-Valle D’Aosta e direttore del Servizio di Diabetologia Ospedale Pinerolo Asl Torino 3, commenta le trasformazioni del modello esistente, in seguito all'approvazione della Delibera della Giunta Regionale, n. 27-4072 del 17.10.2016 e illustra i cambiamenti positivi per la presa in carico di persone con diabete mellito. Posted in Regioni
  • 2 febbraio 2017Ho il diabete, non sono il diabeteQuanto conta il coinvolgimento attivo della persona con diabete nel suo percorso di cura? Ne abbiamo parlato con la Dott.ssa Serena Barello**, della Facoltà di Psicologia, Università Cattolica del Sacro Cuore durante un recente convegno organizzato dall’Associazione Diabetici della Provincia di Milano Onlus, presieduta dalla d.ssa Maria Luigia Mottes. Posted in Psicologia
  • 31 gennaio 2017Diabete: Il coinvolgimento attivo del caregiver nel processo di curaL’Associazione Diabetici della Provincia di Milano (ADPMI) sta collaborando con l’Università Cattolica del sacro Cuore di Milano, dipartimento di Psicologia, al progetto di “Validazione di uno strumento per la valutazione del coinvolgimento del caregiver/familiare nel processo di cura: la caregiver-patient health engagement scale (C-PHE)”. Posted in Aspetti psicologici