Sindrome Metabolica: per arginarne la diffusione è necessario prevenire

Sono tra i 6 e gli 8 milioni le persone che, solo in Europa, sono affetti da Sindrome Metabolica, una condizione che aumenta il rischio di sviluppare diabete di tipo due e di incorrere in malattie cardiovascolari.
L’International Diabetes Federation nel 2006 ha suggerito i parametri per stabilire le caratteristiche che un individuo deve possedere per ritenere che abbia sviluppato la Sindrome Metabolica: aumento del grasso addominale, diminuzione del colesterolo buono (HDL), aumento dei trigliceridi, ipertensione arteriosa e glicemia a digiuno superiore a 100 mg/dl.
A questi parametri se ne è aggiunto di recente un altro: sembra infatti che gli uomini con una ridotta produzione di testosterone (affetti cioè da ipogonadismo) siano più inclini a subire alterazioni del metabolismo.
È importante sviluppare programmi di prevenzione e di osservazione per contenere la diffusione, già di ampie dimensioni, della Sindrome Metabolica soprattutto per evitare le gravi conseguenze che essa può provocare. Un individuo con alterazioni metaboliche è infatti più a rischio di sviluppare problemi al fegato, polipi e tumori al colon-retto e il diabete.
Una dieta ipocalorica, basata su un alto consumo di frutta e verdura, di alimenti contenenti pochi grassi saturi e con basso indice glicemico, e abbinata a una costante attività fisica sono la migliore arma di prevenzione contro questa sindrome.

 

 

 

Fonte: 11 gennaio 2010, notizie.tiscali.it

Potrebbero interessarti

  • 27 marzo 2017I lipidi (grassi): classi e funzioni principaliI lipidi dal punto di vista energetico rappresentano la sorgente più concentrata di energia, sono praticamente insolubili in acqua, ma solubili nei solventi organici (etere, benzina, cloroformio, ecc.). Posted in Grassi
  • 22 aprile 2017Colesterolo “cattivo” e colesterolo “buono”. Perché?Il colesterolo è un particolare grasso (o lipide) che si trova esclusivamente negli alimenti di origine animale e può essere sintetizzato anche dal nostro organismo. E’ una molecola di grande importanza e utilità biologica, componente di tutte le membrane cellulari e del rivestimento di mielina che ricopre i nervi. Posted in Grassi
  • 11 marzo 2017Impariamo a leggere le etichette alimentariLeggere le etichette può contribuire alla prevenzione delle malattie: è possibile fare scelte più sane e più corrette in termini di apporto ed equilibrio tra i nutrienti e nel lungo termine questo può fare la differenza. Posted in Comportamento a tavola