Sport e diabete: Team Novo Nordisk è al mondo la prima squadra di ciclisti professionisti con diabete

Roma – Dal 20 gennaio inizia la seconda stagione di corse del Team Novo Nordisk, la prima squadra al mondo composta esclusivamente da ciclisti professionisti con diabete al Tour de San Luis che si svolgerà nel cuore dell’Argentina.

Corsa in linea di 1.030 km in sette tappe, il Tour de San Luis è tra gli eventi del circuito dell’Unione Ciclistica Internazionale (UCI) American Tour e vanta una forte partecipazione: si sfideranno 12 squadre del World Tour e quattro squadre professionistiche continentali, tra cui il Team Novo Nordisk, per un totale di 150 ciclisti.
Per il Team Novo Nordisk anche quest’anno gareggeranno gli italiani Andrea Peron, 25 anni da Borgoricco, Padova, e Paolo Cravanzola, 27 anni da Trofarello, Torino.
Ad Andrea Peron il diabete è stato diagnosticato a 16 anni. Nel 2010 vince l’Astico-Brenta, una delle corse dilettantistiche più importanti in Italia, e da qui la sua carriera ha una svolta. Il 2013 rappresenta per lui la prima stagione da professionista in cui ottiene 3 podi e l’ottavo posto nello USA Pro Challenge. “Ho iniziato a pedalare quando avevo 10 anni” dice Peron. “Sei anni dopo mi fu diagnosticato il diabete, ma questo non mi ha fermato. Essere un ciclista professionista è un sogno che si è realizzato e, anche se faccio parte solo da un anno del Team Novo Nordisk, mi sento come se fossimo una vera famiglia. Quest’anno ci siamo posti un grande obiettivo: quello di migliorare i nostri risultati rispetto all’anno scorso in ogni gara. Invieremo così un messaggio ancora più forte alle persone con il diabete: non bisogna tirarsi indietro!”.
Paolo Cravanzola ha scoperto di avere il diabete nel 2004. Convinto che la malattia non debba essere un ostacolo, inizia a pedalare pochi anni dopo la diagnosi. “Il ciclismo ha cambiato la mia percezione del diabete” dice Cravanzola. “Voglio dare questo consiglio a tutti coloro che lottano contro questa malattia: non lasciate che i momenti difficili vi tolgano la soddisfazione che lo sport vi può dare. Sto imparando a conoscermi e gestire al meglio il diabete e non permetterò che questo mi rallenti nel raggiungimento dei miei obiettivi. Ho molte ambizioni per quest’anno!”
Oltre alla squadra composta da 17 ciclisti professionisti con diabete, provenienti da 10 differenti paesi, fanno parte del Team Novo Nordisk altri atleti provenienti da tutto il mondo tra cui triatleti e podisti, tutti con diabete. L’obiettivo è quello di educare, incoraggiare e ispirare le persone con diabete.

“Il Team Novo Nordisk è parte del programma Changing Diabetes®, un progetto internazionale che vuole creare consapevolezza del diabete e favorire la lotta a questa pandemia, che colpisce oggi 382 milioni di persone nel mondo,” dice Costas Piliounis, Vice president Novo Nordisk Italia e Grecia. “In Italia le persone che soffrono di questa malattia sono oltre 3 milioni e il nostro obiettivo è quello di migliorare la loro condizione e dimostrare che è possibile vivere bene con il diabete.”

Dal suo esordio nel dicembre 2012, il Team Novo Nordisk ha partecipato a oltre 55 gare, ha corso per più di 9.500 km attraverso 15 paesi, incontrando e ispirando milioni di persone con diabete in tutto il mondo. I risultati a partire dal 2013 sono stati promettenti per una squadra nuova e giovane: il Team ha collezionato tre podi, una maglia gran premio della montagna e una sprint.

Date, risultati e maggiori dettagli su tutte le competizioni a cui parteciperà il Team Novo Nordisk sono disponibili su www.teamnovonordisk.com, www.facebook.com/ TeamNovoNordisk e www.twitter.com/TeamNovoNordisk

Potrebbero interessarti

  • 31 gennaio 2017Diabete: Il coinvolgimento attivo del caregiver nel processo di curaL’Associazione Diabetici della Provincia di Milano (ADPMI) sta collaborando con l’Università Cattolica del sacro Cuore di Milano, dipartimento di Psicologia, al progetto di “Validazione di uno strumento per la valutazione del coinvolgimento del caregiver/familiare nel processo di cura: la caregiver-patient health engagement scale (C-PHE)”. Posted in Aspetti psicologici
  • 16 febbraio 2017Nuoto e subacquea, ok anche nei bambini con diabete tipo 1Intervista rilasciata da Marco Alleva, subacqueo ed apneista dell’Associazione 1° Club Lacustre Sommozzatori di Novara e papà di Giorgio, 13 anni, con diabete di tipo 1. Posted in Prevenzione e Terapia
  • 2 febbraio 2017Ho il diabete, non sono il diabeteQuanto conta il coinvolgimento attivo della persona con diabete nel suo percorso di cura? Ne abbiamo parlato con la Dott.ssa Serena Barello**, della Facoltà di Psicologia, Università Cattolica del Sacro Cuore durante un recente convegno organizzato dall’Associazione Diabetici della Provincia di Milano Onlus, presieduta dalla d.ssa Maria Luigia Mottes. Posted in Psicologia