Tenere lontano il diabete per 10 anni si può ma solo con uno stile di vita corretto

I benefici apportati dai cambiamenti nello stile di vita e dalle cure a base di metformina  per prevenire o ritardare l’insorgenza del diabete di tipo 2 possono durare anche 10 anni, queste le conclusioni del Diabetes Prevention Program Outcomes Study pubblicate recentemente sulla rivista The Lancet.
Lo studio iniziale del Diabetes Prevention Program, durato 2.8 anni,prevedeva la partecipazione di 2766 individui, di cui 910 sono stati assegnati al gruppo per il cambiamento dello stile di vita, 924 dovevano essere trattati con metformina e i restanti 932 formavano il gruppo di controllo. L’incidenza del diabete di tipo 2 nei tre gruppi era rispettivamente del 4.8%, 7.8% e 11% prima dei diversi trattamenti. In seguito ai trattamenti l’incidenza rilevata per ciascun gruppo è risultata pari al 5.9%, 4.9% e 5.6%.
Nei primi 3 anni dello studio si è quindi verificata una riduzione del 58% del rischio diabete in adulti sottoposti a modifiche dello stile di vita quali aumento dell’attività fisica e perdita di peso e una riduzione del 31% in adulti trattati con metformina.
I ricercatori hanno in seguito valutato se questi effetti benefici avessero una durata prolungata, e proseguendo l’osservazione dei partecipanti per altri 7.5 anni, dal 2001 al 2008, è in effetti emersa una riduzione del rischio diabete del 34% per coloro che avevano modificato il proprio stile di vita e del 18% per i soggetti curati con metformina.
Gli esperti hanno perciò concluso che la modalità di prevenzione del diabete che garantisce gli effetti migliori e più duraturi nel corso del tempo è sicuramente l’adozione di uno stile di vita più sano e di un’alimentazione corretta.

 

 

 
Fonte: 29 ottobre2009; Lancet, Advance online publication

Potrebbero interessarti

  • 19 aprile 2017Urbanizzazione e salute: due facce della stessa medagliaEntro il 2030, 1 miliardo e mezzo di persone si sposterà dalle campagne alle città, provocando l’urbanizzazione di 1,5 milioni di chilometri quadrati. Fenomeno sociale inarrestabile e tendenza irreversibile, che va gestito e studiato dal punto di vista di: assetto urbanistico, trasporti, contesto occupazionale, ma soprattutto salute pubblica, perché è indissolubilmente legato […] Posted in Mondo, Europa
  • 19 marzo 2017Diabete e osteoporosi: quale correlazione?Un maggior rischio di fratture da osteoporosi è stato riscontrato sia in pazienti con diabete di tipo 1 che diabete di tipo 2 (DT2). Il meccanismo responsabile è particolarmente complesso e non ancora del tutto chiarito. Posted in Diabete e osteoporosi
  • 11 marzo 2017Qi gong. Uno strumento prezioso per la salute e il benessereNon sono un maestro né mai lo sarò. Neppure vorrei esserlo. E i motivi sono innumerevoli. Per cui, parafrasando un grande delle letteratura (lui sì, maestro…) “così è se vi pare…” Essere maestri implica conoscenza, umiltà, costanza, amore per gli altri. In me non credo coesistano tanti valori. Una cosa però è certa: a questo mondo vorrei esprimere il mio umile punto di vista. Posted in T’Ai Chi Ch’Uan - Un’ avventura… nel benessere