Canada e Stati Uniti, dove il diabete tipo 2 impera

IL VIAGGIO DI CLAUDIO CON IL DIABETE DI TIPO 1. UN MODO PER CONOSCERSI E METTERSI ALLA PROVA

Lontani sono ormai i giorni trascorsi in Asia, dove quotidianamente mi imbattevo in odori, colori e cibi diversi sempre nuovi. Dopo dieci mesi avevo trovato il mio equilibrio, vegetariano tra l’altro, in una cucina estremamente varia. Il diabete 1 aveva reagito bene ed ero sempre riuscito a mantenerlo sotto controllo.
Poi è arrivata l’agognata Australia e quella sorta di “vacanza mentale” che mi ha portato a “dimenticarmi” del mio compagno di viaggio. Poco male poiché dopo poche settimane sono riuscito, grazie ai cibi perfettamente conosciuti, a riequilibrarmi anche in questo caso.

 

Trip Theraphy - Il viaggio di Claudio - Canada e Stati UnitiL’avventura trans pacifica per ventisei giorni chiuso su un cargo mercantile mi ha permesso di studiare il diabete quotidianamente, con un impatto dell’attività fisica inesistente e quindi un focus unico sul cibo e sulle quantità di insulina. L’equilibrio in questo caso è stato ancora più facile sebbene lo scarsissimo movimento mi abbia portato ad aumentare del 10% circa delle mie dosi quotidiane.

Un’esperienza ormai quasi globale e oltre 300 giorni in viaggio. Così mi presento al Nord America, al Canada prima e agli Stati Uniti poi. Paesi in cui il tasso di crescita del diabete è altissimo, soprattutto per il tipo 2. Il motivo è facilmente scovabile. 

 

 

Trip Theraphy - Il viaggio di Claudio - Canada e Stati Uniti
Il Nord America è il posto peggiore finora visitato per i malati di diabete

Senza se e senza ma, ho trascorso due mesi, attraversando il continente da ovest a est e poi da nord a sud, e ancora verso ovest fino alla California. Da Vancouver a New York e poi attraverso gli States tra Chicago, New Orleans, Austin, Denver, San Francisco e San Diego solo per citare alcune delle città più importanti.
Dappertutto il comune denominatore è lo zucchero onnipresente. I cibi, anche conosciuti, hanno valori nutrizionali completamente diversi da quanto ero abituato in Europa e in Australia. Il pane, per esempio non contiene solo zucchero, ma anche proteine. Il tutto ancora più complicato dai prezzi poiché mangiare in maniera sana, biologica e organica è un lusso per ricchissimi. Il mio viaggio intorno al mondo è anche una sfida al budget e non potevo permettermi i classici fast food per ovvie ragioni di salute.

E così i primi giorni ho cominciato a sentire le prime iperglicemie ingiustificate

Non capivo come potessero alzarsi così tanto i valori della glicemia a fronte di insalate o normalissimi panini a base di verdure. Spesso mi imbattevo in salad bar, ovvero bar a base di insalate, tra i più gustosi trovati nel mondo. Il problema tuttavia risale ai condimenti, praticamente impossibile trovarne qualcuno privo di zuccheri o grassi significativi.
Una notte per esempio mi ritrovai in una radura nel Colorado. Dormivo in macchina, in uno spazio appositamente dedicato al campeggio. Per cena mi ero comprato una busta di ceasar salad ovvero un’insalata a base di formaggio e crocchette di pane accompagnate da un condimento composto principalmente da yoghurt e aglio. Questa la mia cena insieme a un po’ di frutta e un tè caldo senza zucchero. La glicemia prima di cena pari a 145, quindi effettuo la mia solita dose dato che insieme all’insalata avrei mangiato un pò di pane finalmente trovato senza zucchero aggiunto in una vera e propria panetteria.
Dopo circa tre ore inizio a sentire sete e urino più del dovuto. Non posso credere di essere in iperglicemia. Faccio l’esame e mi ritrovo ad oltre 400!
Ovviamente correggo e dopo poco rientro nei ranghi.
Al mattino successivo controllo l’etichetta dell’insalata con i valori nutrizionali della salsa condimento: nonostante fosse salata era a base di zucchero, oltre cinquecento calorie.
Questo un piccolo esempio, ma potrei farne tantissimi.
Come quella volta che mi sono trovato ad ordinare un pancake e due uova per colazione e mi ritrovo quattro pancake con una palla di burro da sembrare una palla di gelato alla vaniglia mentre le uova erano appoggiate su un letto di patate in stile hashbrown (frittelle di patate).
Questo a dimostrare che le quantità stesse in America sono un problema.

CANADA-USA-Claudio-02

 

CANADA-USA-Claudio-03Per quanto riguarda la mia dieta vegetariana, altrettanti problemi

Tutti i derivati per vegetariani contengono grassi e zuccheri per aumentarne i sapori.
Ho faticato non poco per riuscire ad equilibrarmi e probabilmente in due mesi ho perso tanti dei benefici guadagnati in un anno in giro per il mondo.
La mia permanenza si è tradotta in una autentica lettura quotidiana di etichette nutrizionali. Per fortuna sono in grado ormai di gestire in modo autonomo tali problematiche anche se in queste settimane l’apporto della mia nutrizionista e il costante confronto con il medico mi hanno aiutato non poco.
Ho osservato tanto la popolazione americana e ho trovato l’americano medio decisamente sovrappeso e soprattutto l’ho visto alimentarsi nel peggiore dei modi. Ho trovato anche americani invasati della forma fisica e delle diete, ma in quanto tali si trovano poi a combattere altre problematiche.
Mangiare sano in America è difficile e costoso, inoltre richiede un minimo di preparazione. Se pensate di trascorrervi un periodo superiore alle due settimane siete avvisati, meglio un consulto nutrizionale prima di partire.

 

Viaggio-Claudio-sud-est-asiatico-4
Per chi volesse donare a Human Traction. Anche una piccola offerta può fare la differenza per loro, soprattutto dopo il dramma del Nepal. Alcune realtà fotografate da Claudio nel suo viaggio non esistono più. L’indirizzo per tutte le informazioni è il seguente: www.humantraction.org

 

 


Per saperne di più vedi i video

IL COAST TO COAST AMERICANO TUTTO D’UN FIATO! »
LE PERSONE NON FANNO I VIAGGI, SONO I VIAGGI CHE FANNO LE PERSONE »
EDUCA I TUOI OCCHI: SONO STATI CREATI PER SCORGERE ANCHE AL DI LÀ DI CIÒ CHE PENSI »

 

 

Segui Claudio anche su:

LOGO-trip-therapy you-tube facebook twitter google-plus instagram

Tutte le foto riportate sono scattate e gentilmente concesse da Claudio Pelizzeni durante il suo viaggio senza aerei.

Potrebbero interessarti

  • Trip Therapy Blog Claudio PelizzeniL’Amazzonia30 novembre 2016La foresta amazzonica è sempre stato un luogo che sognavo di poter visitare almeno una volta nella vita. Durante la pianificazione del mio viaggio intorno al mondo senza aerei avevo piazzato la cosiddetta "bandierina", proprio lì, nel centro del Brasile. Dal punto di vista del diabete, tuttavia, sembrava poter creare non pochi problemi.

    Continua a leggere

  • Trip Therapy Blog Claudio PelizzeniL’Uruguay e l’arrivo in Brasile25 novembre 2016L'Uruguay è probabilmente lo stato meglio sviluppato del Sudamerica. La qualità del cibo è ottima, almeno a giudicare da quello che vedevo nei mercati e nei ristoranti, ma i costi mi hanno costretto a cucinare praticamente sempre da solo in ostello.

    Continua a leggere

  • PrediabetePrediabete: che cosa si intende?13 ottobre 2016In molti casi, la diagnosi di diabete mellito di tipo 2 è preceduta da una fase cosiddetta di “pre-diabete” del tutto asintomatica, caratterizzata da livelli di glucosio nel sangue lievemente superiori alla norma, ma non così elevati da determinare un diabete conclamato e da livelli superiori di insulina nel sangue provocata da precoce insulino-resistenza.

    Continua a leggere