Trip Therapy: Claudio, in viaggio con il diabete di tipo 1

Le 6 settimane australiane
Inizialmente sarei dovuto rimanere nella terra dei canguri solo tre settimane, ma il cargo che mi avrebbe portato fino in Canada aveva accumulato ritardo in America e così mi sono fermato circa sei settimane.  Arrivato a Brisbanemi sono subito spostato a sud, per poter tornare a cavalcare le onde di Byron Bay e poi a Sydney, la mia seconda casa. Ero infatti già stato in questo paese dieci anni prima e nella grande città ci avevo lasciato il cuore.
Dopo aver richiesto il visto statunitense mi sono poi diretto ancora più a sud, verso Melbourne, la più europea delle città australiane.
Qui ho avuto l’opportunità di essere ricevuto dagli uffici di Diabetes Australia che seguivano la mia avventura fin dagli albori. Mi confidano che le ultime novità mediche tardano ad arrivare qui, dall’altra parte del mondo, e che devono parzialmente sostenere spese sia per gli strumenti diagnostici che per l’insulina.
Nel frattempo i tempi continuavano a dilatarsi così ho deciso di spostarmi verso territori che non avesvo ancora esplorato e trovandomi a Melbourne la scelta è stata scontata: Tasmania.

Potrebbero interessarti

  • 26 gennaio 2017Sul cargo da Rio a Dakar, destinazione: Mama AfricaIl lungo viaggio in cargo mercantile da Rio de Janeiro a Dakar mi ha regalato subito una bellissima sorpresa. Viaggiare con questa tipologia di barche significa anche trovarsi a mangiare cibo est europeo o al massimo russo, cucinato da cuochi filippini. Posted in Trip Therapy Blog Claudio Pelizzeni
  • 10 febbraio 2017Prevenzione cardiovascolare. La banca del cuore va in tourParte da Sanremo (8-11 febbraio 2017), toccando poi 30 città. Ad ogni sosta, previsti screening gratuiti di prevenzione cardiovascolare. La Banca del Cuore è una "cassaforte" virtuale che custodisce il proprio elettrocardiogramma con i valori della pressione arteriosa e i dati clinici della singola persona che ha aderito al progetto. Posted in EVENTI - 2017
  • 30 novembre 2016L’AmazzoniaLa foresta amazzonica è sempre stato un luogo che sognavo di poter visitare almeno una volta nella vita. Durante la pianificazione del mio viaggio intorno al mondo senza aerei avevo piazzato la cosiddetta "bandierina", proprio lì, nel centro del Brasile. Dal punto di vista del diabete, tuttavia, sembrava poter creare non pochi problemi. Posted in Trip Therapy Blog Claudio Pelizzeni