Trip Therapy: Claudio, in viaggio con il diabete di tipo 1

Le 6 settimane australiane
Inizialmente sarei dovuto rimanere nella terra dei canguri solo tre settimane, ma il cargo che mi avrebbe portato fino in Canada aveva accumulato ritardo in America e così mi sono fermato circa sei settimane.  Arrivato a Brisbanemi sono subito spostato a sud, per poter tornare a cavalcare le onde di Byron Bay e poi a Sydney, la mia seconda casa. Ero infatti già stato in questo paese dieci anni prima e nella grande città ci avevo lasciato il cuore.
Dopo aver richiesto il visto statunitense mi sono poi diretto ancora più a sud, verso Melbourne, la più europea delle città australiane.
Qui ho avuto l’opportunità di essere ricevuto dagli uffici di Diabetes Australia che seguivano la mia avventura fin dagli albori. Mi confidano che le ultime novità mediche tardano ad arrivare qui, dall’altra parte del mondo, e che devono parzialmente sostenere spese sia per gli strumenti diagnostici che per l’insulina.
Nel frattempo i tempi continuavano a dilatarsi così ho deciso di spostarmi verso territori che non avesvo ancora esplorato e trovandomi a Melbourne la scelta è stata scontata: Tasmania.

Potrebbero interessarti

  • 12 agosto 2017L’orizzonte ogni giorno un po’ più in làMissione compiuta per Claudio Pellizzeni, tornato ormai da 6 mesi e precisamente l’11 febbraio 2017 quando è sceso dal treno nella “sua” Piacenza, dopo un viaggio di 1000 giorni, attraverso 44 paesi, in un viaggio lento, senza mai prendere un aereo e con un compagno scomodo, come il diabete di tipo 1. Posted in Trip Therapy Blog Claudio Pelizzeni
  • 10 agosto 2017La sfida del “diabete urbano”Nel 1950 un abitante del pianeta su 3, pari a 749 milioni di persone, viveva in città; oggi è 1 su 2, cioè 3,9 miliardi; entro il 2050 saranno 2 su 3, per 6,4 miliardi. Contemporaneamente cresce il numero di persone con diabete, passate dai 285 milioni del 2010 ai 415 milioni di oggi. Posted in Italia
  • 30 giugno 2017Gli ultimi 1000 km di spiagge, Ramadan e grattacieliCi troviamo in Malesia dopo un anno di avventure sui pedali: sono passati 17.000 km sotto le nostre ruote e questo mondo incredibile non ha ancora finito di stupirci. Dopo la parentesi cambogiana siamo rientrati in Thailandia e ne abbiamo seguito fedelmente la costa. Posted in For a piece of cake