Troppi zuccheri nelle bevande

Secondo i dati dell’Istituto Nazionale di Ricerca sugli Alimenti e la Nutrizione (Inran) un consumo eccessivo di zuccheri può portare all’obesità, al diabete e alle malattie cardiovascolari. In Italia, secondo i dati dell’Associazione italiana tra gli industriali delle Bevande Analcoliche (Assobibe) le calorie prodotte dalle bibite rappresentano il 2,3% del totale, mentre in Francia sono il 3,5% e negli Stati Uniti il 7%; negli ultimi anni, però, anche in Italia il consumo di queste bevande è aumentato e con esso l’apporto calorico: 53 litri pro capite, 82 in Germania, 90 in Austria, 100 in Gran Bretagna, 102 in Spagna, 120 in Irlanda.
I più giovani sono anche i più vulnerabili alle conseguenze dell’esagerata assunzione di zuccheri attraverso le bevande; se negli Stati Uniti la percentuale dei ragazzi che devono ogni giorno una bevanda gassata e/o zuccherata supera il 55%, in Italia la percentuale, fra i bambini di 8-9 anni, è salita dal 41% del 2008 al 48% del 2010 (dati dell’indagine OKkio alla Salute 2010).
Secondo gli esperti questo fenomeno, insieme a uno stile di vita poco sano, è legato all’aumento dell’obesità infantile e al diabete giovanile.
Fra le bevande zuccherate, oltre al tè e alle bevande gassate, bisogna considerare anche i succhi di frutta, le tisane e le bevande energetiche che apportano una quantità di zuccheri elevata. È delle scorse settimane la notizia che in Francia è stata proposta, fra le polemiche, una tassa sulle bevande zuccherate per disincentivarne il consumo; fra il 2007 e il 2009 il peso medio dei Francesi è infatti aumentato di tre chili, probabilmente, però, non solo a causa delle bibite zuccherate. Nel decalogo antiobesità dell’Istituto Italiano di Pediatria, della Società Italiana di Medicina Preventiva e Sociale, con la collaborazione del Ministero della Salute, era già contenuto l’invito a limitare o evitare l’uso di bibite gassate e zuccherate, succhi di frutta, tè pronti e tisane. L’equivalente di una lattina da 330 ml di aranciata o di cola apporta oltre 120 calorie perché contiene zucchero in quantità pari a quello di sette zollette o di 15 caramelle e nessun elemento nutritivo.
Anche i succhi di frutta ‘senza zuccheri aggiunti’ contengono gli zuccheri della frutta che forniscono circa 70 kcal per bicchiere.
Molto efficace lo slogan della campagna americana contro l’uso delle bibite gassate: “Non mangereste mai 22 zollette di zucchero in un giorno. Perché volete berle?”.

 

 
Fonte 9 settembre 2011, fondazioneveronesi.it

Potrebbero interessarti

  • 8 febbraio 2017Il T’Ai Chi Ch’Uan, un percorso per il nostro benessereIntervista al Maestro Davide Leonardi. Allievo di Chang Dsu Yao, il grande maestro che portò in occidente il T'Ai Chi Ch'Uan (Tajiquan o Tai chi come diciamo noi occidentali), Davide Leonardi da oltre quattro lustri insegna le stesse discipline a tantissimi praticanti in provincia di Torino. Posted in T’Ai Chi Ch’Uan - Un’ avventura… nel benessere
  • 21 dicembre 2016Non arrendersi al diabeteIl primo Autore, dr. Florio Cocchi è un Medico di Base a Genova e Specialista in Scienza dell’Alimentazione. Nel libro, propone una serie di consigli pratici e accorgimenti che, oltre a combattere il diabete di tipo 2, aiutano a riportare il cibo alla sua autentica dimensione, quella del nutrimento. Posted in Alimentazione
  • 19 gennaio 2017Nuova campagna di AIIPA: “Nutrizione e sicurezza specializzate”Il messaggio della nuova campagna dell’Associazione Italiana Industrie Prodotti Alimentari (AIIPA) si propone di fare chiarezza sulle caratteristiche e sulla qualità nutrizionale degli alimenti specifici per la prima infanzia, fabbricati e commercializzati nel rispetto della rigorosa normativa vigente. Posted in NEWS - 2017